Dizionario illustrato Soudanèlu-Italiano

A - B - C - D - E - F - G - I - L - M - N - O - P - R - S Ç - T - U - V

Il dialetto, come le altre lingue, cambia col passare del tempo e così se oggi nei dizionari di italiano entrano parole inglesi (o di altre lingue) anche nel dialetto sono entrati termini italiani tradotti in dialetto (i cosiddetti italianismi); ecco quindi, per esempio, che accanto al termine dialettale as-cianàse (pettinarsi) si affianca il più "moderno" pentenàse che pian piano "scalza" il termine più antico, o lemma ghirindùn (comodino) ormai sostituito dall'italianismo cumudìn e così per altri lemmi. Il dialetto che parliamo oggi quindi è molto diverso da quello che si parlava cento anni fà; se i nostri avi ci sentissero parlare probabilmente avrebbero difficoltà a capire molte parole o perlomeno "strocerebbero" il naso chiedendoci da che paese proveniamo.
 
I vocaboli qui elencati sono, per la maggior parte, quelli raccolti tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80 per la redazione del Vocabolario delle parlate liguri(¹), cui si rimanda per maggiori dettagli.
 
Per i vocaboli che indicano piante, animali e oggetti cercheremo di mettere un'immagine a supporto della traduzione, per vedere l'illustrazione bisogna cliccare sulle parole sottolineate.
 
(¹) Vocabolario delle parlate liguri, consulenza lessicografica di E. DE FELICE, Genova 1985-1992 (1. A-C, a cura di G. PETRACCO SICARDI, F. TOSO, P. CAVALLARO; 2. D-M, a cura di G. PETRACCO SICARDI, R. CONTE LABELLA, F. TOSO, P. CAVALLARO; 3. N-S, a cura di G. PETRACCO SICARDI e F.TOSO, con la collaborazione di A. CAPANO, D. BALBI e R. DEL BENE; 4. T-(Z), a cura di G. PETRACCO SICARDI, con la collaborazione di A. CAPANO e P. SCARSI, indici a cura di G. PETRACCO SICARDI e F. TOSO).
Vocabolario delle parlate liguri. Lessici speciali. 1. Gli uccelli, a cura di G. PETRACCO SICARDI, Genova 1982.
Vocabolario delle parlate liguri. Lessici speciali. 2.1. I pesci e altri animali marini, a cura di M. CORTELLAZZO, M. CUNEO, G. PETRACCO SICARDI, Genova 1995.

La grafia

ü = u come nel francese "mur" ö = o anteriore o turbata (eu francese) x = x fricativa palatale sorda (j francese)
s = s di "sale" ç = s di "rosa" j = i consonantica intensa (i italiana di "iena")
è = e aperto di "erba" é = e chiuso di "mela" r = r non vibrante, di articolazione palatale o velare
š = s fricativa palatale sorda come sc di scena
s-c = s apicale davanti all'affricata c, come in s-cetu 'schietto', s-ciarì 'chiarire'; il trattino indica che non si tratta del gruppo grafico sc che rende, come in italiano, la fricativa palatale sorda s di scena
Da notare che le parole tronche sono tali per chiarezza sintattico-grammaticale, ma in realtà hanno nel dialetto di Soldano una particolare pronuncia atona molto difficile da trascrivere.
N.B. L'accento ha un valore esclusivamente tonico (in assenza di accento la pronuncia è piana). Sulla [e] tonica esso assume anche un valore fonico: quello acuto [é] indica un suono chiuso; quello grave [è] indica un suono aperto.

Inizio


- A -

a - la (art. f. sing.)
abadà - far caso a, accorgersi di, notare (nu g'on abadàu - non ci ho fatto caso)
abàdu - attenzione; nelle locuzioni: "stare attenti" (daghe abàdu - stai attento, guardalo, facci caso)
abajà - sbadigliare; in funzione di agg.: accostata, socchiusa (riferito a porta o finestra)
abégà - bacare (detto della frutta e verdura o piante da fiore)
abégàu - bacato
abéja - ape
abejà - alveare
abelinàu - "stupido": semplicione, senza iniziativa, privo di criterio, tardo a capire
abertegà - rimboccare: arrotolare l'orlo (usato solo per maniche o pantaloni) (abertegàte e màneghe - rimboccati le maniche)
abertegàu - rimboccato: con l'orlo arrotolato (usato solo per maniche o pantaloni)
abésì - mettere/sistemare provvisoriamente
abésìu - messo/sistemato provvisoriamente
abéçögnà - abbisognare, aver bisogno
abéu - abete
abilunà - ridurre alberi (tronchi) in pezzi maneggevoli per il trasporto (da 1 a 1,5 m.) (on abilunàu in pin - ho tagliato a pezzi un pino)
àbitu - scapolare (in partic. quello della Madonna del Carmine)
abitüà - abituare
abrasà - abbracciare
abrìgu - aprico, soleggiato (detto di terreno esposto al sole)
abrusàse - cagliarsi, inacidirsi
abrusàu - cagliato, inacidito
abrüštulì - abbrustolire, tostare
abucànte - piacevole al gusto
abucàu - abboccato: di vino, tendente al dolce
abujà - sommergere una persona, al mare, per gioco
aburdelàu - in disordine
acajà - rassodata; rassodare, rapprendere (fàme acajà dui övi - fammi due uova al tegame); anche ghiacciare
acajàu - rassodato, rappreso; anche ghiacciato
acanà - misurarsi, fare i conti (se n'acanàmu - facciamo i conti); lett.: misurare (da canna - antica unità di misura)
acandacàu - indolente, inoperoso vedi anche candàca
acandacàse - attardarsi, perdere tempo, abbandonarsi alla pigrizia
acanpà - accumulare
acapì - capire
acapiséne - intendersene, essere esperto di qualche cosa
acapità - capitare
acaru - gradito, ben accetto (l'on acaru - mi fa piacere)
acatà - comprare; fare la spesa (vagu a acatà - vado a fare la spesa)
acataù - compratore
acianélà - spianare
aciapà - acchiappare, acciuffare, afferrare, raggiungere una preda
aciatà - nascondere
aciatàse - nascondersi
aciatàu - nascosto
aciatùn (d'-) - di nascosto (me ne sun andàu d'aciatùn - sono andato via di nascosto)
acinà / acinàu - chinata /chinato
acinàse - chinarsi (me fà mà a s-chìna, nu me pösciu acinà - ho mal di schiena, non posso chinarmi)
acòrdiu (d'-) - d'accordo
acubià - accoppiare
acumensà - cominciare
acupà / acupàu - detto della lattuga o del cavolo verza con le foglie centrali chiuse (a forma di cupola)
acuregà - coricare, sdraiare
acuregàse - coricarsi, sdraiarsi
acuregàu - coricato, sdraiato
adàixu - adagio
adrisà - drizzare, raddrizzare
adugià - piegare, ripegare (usato in partic. per lenzuola e biancheria)
adugiàu - piegato, ripegato (usato in partic. per lenzuola e biancheria)
adurmìse - addormentarsi
adurmìu - addormentato
afà - voglia (di fare qualcosa), usato spesso in forma negativa (nu n'on afà - non ne ho voglia)
afénì - finire
afénìu - finito
afì - cistifellea, fiele, bile
afìjöràu - persona che ha ancora una mentalità infantile
afiscià - incrinare
afisciàu - incrinato (su tundu l'è afisciàu - questo piatto è incrinato)
afità - affittare
afitu - affitto
afögà - riscaldare fino a rendere rovente
afögàu - caldissimo, rovente
afundà - affondare
afùndu - profondo
afurtünàu - fortunato
agagnà - guadagnare; vincere
agàitu - agguato; malefatta; dispetto; marachella
agaixu - ginepro (Iuniperus oxycedrus, Iuniperus communis)
agantà - colpire; afferrare
agantàu - colpito; afferrato
agarà - far cadere, buttare giù, demolire
agaràse - cadere (me sun agaràu - sono caduto)
agaràu - caduto, franato
agiascià - masticare
agiasciàu - masticato
agiuntà - aggiungere; unire; unita, congiunta
agiuntàu - unito, congiunto
agiütà - aiutare
agiütu - aiuto (agiütu gènte! agiütu gènte! - aiuto! aiuto!)
agnèlu - agnello
agotà - aggottare, svuotare un recipiente alla stessa velocità con cui si riempie
agriòta - amarena (albero e frutto) (Prunus cerasus)
agru - acido; acerbo; figurato "aspro" (u l'à u pisciu agru - è di cattivo umore)
agrupà - annodare
agrupàu - annodato, raggomitolato; non digerito (u se m'è agrupau in sc'u stömegu - mi è rimasto sullo stomaco)
àguja - aquila
agùja - ago
agujà - gugliata
agujéta - ago di pino
agùjotu - scalpello da pietra (per fare fornelli da mina)
agüsà - appuntire, fare la punta, temperare
agüsalàpi - temperamatite
agüsu - aguzzo, appuntito
ajà - terreno coltivato ad aglio
àiga - acqua
aigà - innaffiare, irrigare
àiga acajà - ghiaccio
àiga cöta - tisana, decotto (segue la specificazione es.: àiga cöta de sangùra špèrgùra - tisana di parietaria)
àiga d'audù - acqua di colonia; profumo
aigàja - rugiada
aigàçöça - gazzosa
aigàvita - acquavite, grappa
aigà-versa - spartiacque
àira - area circolare sottostante gli ulivi accuratamente lavorata e ripulita prima dell'abbacchiatura
aisà - alzare, sollevare
àju - aglio (Allium sativum)
aixau - liscio e terso
aixéu - aceto
alairàse - coricarsi, abbandonarsi disteso per la stanchezza
alairàu - stanco, sfinito
alaità - mungere; allattare; fig.: chiedere con insistenza
alansà - lanciare
alègru - allegro
aléštrì - approntare, preparare
aléštrìse - approntarsi, preparasi
aléštrìa / aléštrìu - approntata, preparata / approntato, preparato
alevà - allevare; crescere (detto di bambini)
aligà - allegare (solo nella locuzione aligà i dènti)
aliscià - franare; franata
alisciàu - franato
alögà - assumere per un lavoro (m'on alögàu in omu a vendegnà - ho assunto un uomo per la vendemmia)
alonà - allagare
alonàu - allagato
alongà - allungare
alumentà - lamentare
alumentàse - lamentarsi
alùra - allora
amacià - macchiare
amaciàu - macchiato
amàndura - mandorla, mandorlo (Prunus dulcis)
amandurìn - mandarino (albero e frutto) (Citrus reticulata)
amaròtu - amaretto
amàru - amaro
amasà - uccidere, ammazzare
amasatoju - mattatoio
amašcarà - mascherare; mascherata
amašcaràu - mascherato
ameninsà - tagliare a pezzetti (ad es. il coniglio per cuocerlo)
amèntu - nelle locuz.: ricordare (tègnighe d'amèntu - ricordati); ascoltare, badare (dàme amèntu - ascoltami)
amesürà - misurare
amesüràu - misurato
amigu - amico
amörà - affilare
amorcià - spegnere
amorciaù - spegni-candela
amòrciu - spento
amotà - appallottolare, stropicciare; stropicciata (on a camixa amotà - ho la camicia stropicciata)
amotàu - appallottolato, stropicciato
amù - amore
amucà - zittire, far tacere
amüjà - ammucchiare, accatastare
amüjàse - cadere rovinosamente
amura - mora (Rubus fruticosus)
amuràse - cadere picchiando il viso contro qualcosa, cozzare
amuréta - arrotino
amurùn - flacone, bottiglietta
anà - annata (con particolare riferimento al raccolto)
anàštu - fiuto
anciùa - acciuga (Engraulis encrasicolus)
ancöi - oggi
ancù - ancòra
àncura - àncora
ancügiu - incudine
andà - andare
anégiàu - andato a male (detto della frutta e della verdura che deperisce e non matura a causa del clima)
anèlu - anello
àngeru - angelo; dim.: àngeretu - angioletto
anghìja - anguilla (Anguilla anguilla)
angö - ramarro (Lacerta viridis, Lacerta bilineata)
angunìa - agonia; suono delle campane per la morte di una persona
angùscia - nausea, voltastomaco
angusciùsu - noioso, insistente, fastidioso fino alla nausea
ànse - asino (Equus asinus)
antìgu - antico (specialmente riferito ad oggetti)
ànu - anno
aparà - tener aperto (ad es. un sacco da riempire); ripararsi, proteggersi
aparàu - teneto aperto; ripararto, protetto
aparejà - apparecchiare, preparare
apènde - appendere
apésu - ripido, in salita (pe andà in ciàssa gh'è in camìn apésu - per andare in piazza c'è una strada ripida)
aprènde - contagiare, trasmettere una malattia
apröu - dietro, presso (èse apröu a fà - stare facendo; andà apröu - seguire)
apumélà - abbottonare
apumélàu - abbottonato
apuntà - puntellare
apuntàse - intestardirsi
apusà - spingere, premere
àra - ala
aracà - vomitare
aracaüme - vomito (il)
aragàixu (o ragàgéru) - rosa canina
aragàn - uragano, fortunale, tempesta con pioggia e vento
aragiàse - arrabbiarsi
araigà - mettere le radici, mettere una pianta a fare le radici
araigàu - attecchito bene
arairì - diradare (in partic. le pianticelle seminate perché crescano meglio)
aramà - abbacchiare (detto specialmente di olive, mandorle, nocciole)
aramaùira - bastone per abbacchiare
arancà - sradicare, estirpare, estrarre, raccogliere le patate (on arancàu e patate - ho raccolto le patate)
arangià - aggiustare, riparare, sistemare; aggiustata, riparata, sistemata
arangiàu - aggiustato, riparato, sistemato
aràštra - ginestra spinosa (Calycotome spinosa)
aràu - aratro
arbanèla - barattolo in vetro o terracotta
arbicòcu - albicocca, albicocco (Prunus armeniaca)
àrburu - albero
àrcu - arco
arecanpà - raccogliere, radunare
arecanpàse - ritornare (a casa, al luogo natio)
arefrèidàse - raffreddarsi
arefrèidàu - raffreddato
arefrèidù o refrèidù - raffreddore
aregalà - regalare
aregalàu - regalato
aregiràse - affacciarsi (alla finestra); farsi vedere
aregiràu - affacciato
arén - respiro (specie in senso negativo: ghe manca l'arén - gli manca il respiro)
arénà - respirare
àréna - sabbia
arenbà - appoggiare
arenbàse - appoggiarsi
arenbàu - appoggiato
aréngu - aringa (Clupea harengus)
arènte - vicino, rasente
areperìu - raggrinzito, avvizzito
arepousà - riposare
arepousu - riposato
arescì - riuscire
areçegà - rischiare
arešpònde - rispondere
aretirà - ritirare
aretisà - attizzare, ravvivare (il fuoco che sta per spegnersi)
aréu - ariete, montone
aréu - tutto, del tutto, completamente
àrgiu - truogolo in legno o pietra
ària - aria
àrima - anima
arimà - animale
ariméta - bottoncino da camicia
arivà - arrivare
armàriu - armadio
arna - tarma dei tessuti
arnà - tarmare
arnàu - tarmato
aroubà - rubare
aroubàu - rubato
aròusanu - Raphanus raphanistrum
arpìn - alpino
arsajau - arrosato, irritato
arsüra - arsura, screpolatura delle labbra o della pelle
articiòcu - carciofo
arübatà - far cadere, buttare giù
arübatàse - cadere
arügià - spingere, dare uno spintone
arügiùn - spintone
aruinà - rovinare
arunsà - tagliare, rifilare
asà - acciaio; assale (ad es. delle ruote del carro)
asagià - assaggiare
asardà - saldare
asardàu - saldato
asardaüra - saldatura
asarì - rinforzare un attrezzo di ferro, riallungare le punte consumate degli attrezzi
ašbascià - abbassare
ašbìju - vispo, arzillo, pieno di vita
ašbrivà - buttarsi sopra, spingere
ašbrivu - slancio, rincorsa
as-caciùna (a l') - dicesi del berretto messo strorto (ti ai u capèlu a l'as-caciùna - hai il berretto storto)
as-càixi - quasi
as-casciàse - accovacciarsi, piegarsi sulle ginocchia
as-casciàu - accovacciato, piegato sulle ginocchia
as-caudà - scaldare; scaldata
as-caudàu - scaldato
as-caudàse - scaldarsi
ašchivà - schivare
as-cia - pezzo di legno da ardere (ricavato dallo spaccamento di un ceppo con la scure)
as-ciairì - chiarire, schiarire
as-cianà - pettinare; pettinata
as-cianàse - pettinarsi
as-cianàu - pettinato
asciarmàu - accaldato e assetato; affannato
ašcürcià - accorciare
ašcüsùn (d'-) - di nascosto vedi anche aciatùn (d'-)
ašcüvà - mettere al riparo; dare spazio (ad es. sulla strada per far passare una macchina che viene in senso inverso)
ašcüvàse - mettersi al riparo; accostarsi (per dare spazio)
ašcüvàu - messo al riparo; accostato (per dare spazio)
asegürà - assicurare
asemejà - assomigliare
asènde - accendere
asésa / asésu - accesa / acceso
asétase - sedersi; depositarsi (del vino)
asétüme - fondo; deposito del vino
açéçibàu - candito; fig.: intirizzito
ašfaràu - bruciacchiato; strinato
ašforsà - forzare
ašforsàu - forzato; anche slogare (me sun ašforsàu in brasu - mi sono slogato un braccio)
ašgairà - sprecare, sciupare
ašgairè - sprecone
ašgairu - spreco
asità - citare (in tribunale)
asonàse - sognare
ašpèità - aspettare
ašpedìu - svelto; spedito
ašpèrtu - sveglio, capace, intelligente
ašpulèiràse - coricarsi e trascinarsi in terra (dei bambini per gioco); ma anche: cadere disteso
ašpulèiràu - coricato per terra
aštàe - estate
aštacà - legare (riferito agli animali, ad es. il cane ala catena)
aštagiàu - non allenato (riferito agli animali da soma che sono rimasti a lungo nella stalla štàgiu)
aštancà - stancare
aštancàse - stancarsi
aštecà - mettere uno spessore sotto qualcosa (per fermararla)
aštecàu - fermato con uno spessore
àšticu / aštichétu - elastico
aštregà - incastrare
aštregàu - stipato, incastrato a forza, pressato
àštregu - acciotolato (pavimentazione di un sentiero in pietre o ciotoli)
aštüà - stipare, inserire a forza una cosa in mezzo ad altre (derivato dalla locuzione a štüu - a forza)
asubacà - sotterrare (cose)
asubacàu - sotterrato
asubelì - sepellire (persone)
asubelìu - sepolto
a sun (de) - a forza (di ...)
asupà - immergere
asupàu - immerso
asupaù - ramo con una triforcazione sulla punta (usato durante la vinificazione per immegere le vinacce nel mosto)
asurcà - assolcare; fare solchi (nell'orto per per seminare)
asuštà - mettere al riparo dalla pioggia
asuštàse - riparsi dalla pioggia, mettersi al riparo
asùštu - posto al riparo dalla pioggia
atrasà - alimentare il fuoco con sterpi o ramaglia secca per avere una grande fiammata
atrasàu - detto del fuoco quando è ben acceso e scalda
atrià - tritare, sminuzzare
atrövà - trovare, rinvenire
atrövàu - trovato, rinvenuto
atuvàu - infeltrito
atüà - sminuzzare, fare a pezzi; picchiare a sangue
- adesso, ora
aubedì - obbedire
audù - odore, profumo
audurà - annusare
ra - adesso, ora
aura / avura - adesso
auréija - orecchio
auribàga - alloro (Laurus nobilis)
aurìva - oliva, olivo (Olea europaea L.)
aurivàštru - olivastro, olivo selvatico (Olea europaea sylvestris)
aurivéu - oliveto
autà - altare
àutru - altro
àutu - alto
auxèlu - uccello
auxèlu-gatu - barbagianni (Tyto alba), civetta
auxinèlu - acino
autùnu - autunno
avà - veramente, davvero (avà? - davvero?)
avapù - vapore
avaregà - avvelenare, intossicare
avaregàu - avvelenato, intossicato
avé - avere, possedere
avégnì - avvenire
avénàsu - avena selvatica (Avena sterilis, Avena fatua)
aviàu - presto, in fretta, di buon'ora
avisà - ricordare; in forma negativa: dimenticare, scordarsi (nu me ne sun avisàu - non me ne sono ricordato)
avisàse - ricordarsi
àvra - anta (della finestra o di un mobile), sportello
avrì - aprile
avùštu - agosto
axèrtu - sgombro (Scomber scombrus)

Inizio


- B -

bacilà - farneticare, sragionare, delirare
bàda (de) - gratis, senza pagare (se intra de bàda - si entra senza pagare)
badiànte - dirigente, organizzatore dei festeggiamenti (i badiànti du bàlu - gli organizzatori del ballo)
bagàina - donna maliziosa, scaltra o disonesta; sgualdrina (lo stesso significato di bagàscia ma più attenuato)
bagàscia - prostituta, donna di facili costumi
bagétu - girino
bagiàira - lumaca, limaccia (indica vari molluschi privi di conchiglia)
bàgiu - rospo
bàgna - sugo, ragù, intingolo
bagnà - bagnare
bagnàu - bagnato
bàgnu - bagno
bairà - tenere a balia; per estens.: avere cura, prendersi cura
baixà - baciare
baixadòna - anemone coronaria (di Caen)
baixaricò - basilico
baìxu - bacio
bàla - palla da gioco; balla (di fieno); testicolo; frottola, fandonia
balà - ballare
baléna - stecca dell'ombrello o del busto (così chiamata perché anticamente fatta con fanoni di balena)
balìn - pallino (delle bocce o per il fucile da caccia)
balìna - biglia (di vetro)
balarìn - ballatoio, pianerottolo
balòtura - pallottola, proiettile per fucile
bàlu - ballo; luogo dove si danza
balùn - palla (del pallone elastico), pallone
balùn a vèntu - mongolfiera
balunétu - palloncino
banaštra - grossa cesta di forma parallelepipeda per il trasporto dei prodotti ortofrutticoli (e dei fiori)
bànca - panca
bancà - cassapanca (mobile destinato a contenere vestiario o generi alimentari da conservare)
bancarà - falegname
banchéta - pitale cilindrico alto (che consente di sedersi comodamente), per lo più in terracotta, con due manici ai lati
banchétu - scalino; sgabello
bàra - sbarra, stanga; osso del collo (atèntu che ti te runpi a bara du colu - attento che ti rompi l'osso del collo)
barà - chiudere
baràu - chiuso
baramìna - pesante asta d'acciaio per fare fornelli da mina (manovrata a mano, a differenza dell'agùjotu che si usa con la mazza)
barànsa - bilancia in genere
baransìn - stadera a un piatto (per pesi da 0 a 7,5 kg. e da 7 a 28 kg.)
bàrba - zio; barba
barbacàna - apertura del muro per lo scolo dell'acqua
barbarota - ragno
barbè - barbiere
barbìxi - baffi
barbotàgiu - mangiare per le bestie (in partic. per la capra), beverone (dal francese: barbotage)
barca - barca
barcùn - finestra
barcunétu - finestrino
barì - barile: piccola botte usata per il trasporto dei liquami (usati per concimare gli orti)
barletu / barleti - testicolo / testicoli
barùn - traversa, listello della sedia
basàca - materasso (di lana o crine)
basàca elàštica - materasso a molle
basacüra - bilancia (bascula)
baštu - basto
baštun - bastone
batajà - scampanare, suonare le campane a distesa
batàju - battaglio
bàte - battere, picchiare
bategià - battezzare; fig.: essere incinta (ti ai da bategià? - sei incinta?)
bategiàu - battezzato
batégiu - battesimo
bateçàje - dolci per il battesimo
baticrištu - nome usato per le piante della famiglia Composite (Asteracee) cirsium vulgaris
batürègiu - legno per battere la biancheria durante il bucato
batüme - pavimento (in cemento o terra battuta)
baunà - abbaiare
bàusu - masso, macigno
baüju - baule; fig.: persona tonta
bavajin - bavaglino
becà - beccata; imbeccata; per estens.: piccola porzione
becafìga - beccafico (Sylvia borin)
becàsa - beccaccia (Scolopax rusticola)
becasìn - beccaccino (Capella gallinago)
becià - accoppiarsi sessualmente
becìciura - Muscari racemosum, pianta della fam. Liliacee
bècu - bècco
bécu - bécco, capro
becüa - nottolino, chiavistello, levetta di legno o di ferro che, girando su un perno, serve per chiudere porte, ante o finestre
bécuràju - beccuccio
bécüùn - pisolino (on fau in bécüun - ho fatto un pisolino)
béga - bruco, nome generico usato per le larve di insetto; caccola (di muco); scherz.: pene
belìn - pene, membro virile; usato anche come esclamazione di meraviglia (belìn! o - me n'inbelìnu!)
belinàta - inezia; stupidaggine
belinùn - sciocco; stupido
bèlu - bello
bèlura - donnola (Mustela nivalis)
bèn - bene (sia in senso affettivo che materiale)
bénéixì - benedire
rà - belare
berà - ciuffo d'erba, di fieno (o di capelli)
beréta - buccia dell'acino d'uva
bèri o beràssi - capelli (lunghi e arruffati)
beriùn - attrezzo per imballare il fieno composto da bastoni e corde; per estens.: grosso involto di erba o fieno
bérlingò - tipo di caramella multicolore (dal francese: berlingot, specialità di Carpentras)
béròudu - interiora; in partic.: intestino (spesso usato al plurale béròudi)
bértèla - bretella
bèru - ciuffo, ciocca di capelli fuori posto
berùrcu - germoglio, getto secondario che si toglie per far crescere il ramo principale (in partic. nelle viti o nei pomodori)
bešcötu - biscotto
beçögnu - bisogno
bèštia - bestia, animale
bèštieta - denominazione generica di insetti, piccoli invertebrati
béštìn - odore di selvatico, odore caratteristico di luogo frequentato da animali
betegà - balbettare, tartagliare
béu - canale di derivazione dell'acqua fluviale per irrigare gli orti e per far funzionare frantoi e mulini
béve - bere; béve au cupu - lett.: bere al coppo (avere libertà limitata)
béveirùn - beverone, brodaglia per animali (u béveirùn da crava - il beverone per la capra)
biàva - biada
bicicreta - bicicletta
bicicreta a fögu - bicicletta a motore (tipo mosquito col motore sotto i pedali o solex col motore sulla ruota anteriore)
bidùn - secchio; bidone (della spazzatura)
bidunétu - secchiello
bièlu - budella; interiora (spesso usato al plurale bièli)
bijétu - biglietto
bilùn - tronco d'albero di circa 1-1,5 m. (per trasportarlo facilmente con i muli)
binda - benda per fasciatura (sia medica che per il pugno nel gioco del pallone elastico)
bindèlu - sega a nastro
binèlu - gemello
birbu - astuto, scaltro
biròciu - calesse, carro a due ruote
bis-cà - desiderare ardentemente, rodersi per il desiderio (fà bis-cà - far desiderare)
bìscia - biscia (indica varie specie di serpenti non velenosi)
bitèga - bottega
bitégà - bottegaio
bìùndu - biondo
blö - blu
- bue (Bos taurus)
bòcia - boccia; apprendista
bocìn - boccino
boixà - bugia; anche frittella dolce
boixàiru - bugiardo
bon - buono, gustoso; abile, capace
bòna - forma di saluto (equivalente a buongiorno o buonasera)
bonadòna - ostetrica, levatrice
bonamàn - mancia
borlà - ammaccare; ammaccata
bòrlàu - ammaccato
bòrlu - bernoccolo, ammaccatura
bòšcu - bosco
bòta - urto, botta (daghe ina bòta - far presto, sbrigarsi)
bötà - spandere (da un buco) (sa pignàta a böta - questa pentola spande / è bucata)
bragà - vantarsi
bràghe - pantaloni, calzoni
braghéte - mutande da donna
bragö - vantatore, sbruffone
bràixa - brace
brasàu - bracciata
bràsu - braccio
bràta - melma; fondo del caffè
bràvu - bravo, buono; anche abile
brécà - sbreccare; sbreccata
brécàu - sbreccato
brècu - rebbio; cosa appuntita
brénchìn - uncino (in partic. per raccogliere la frutta)
brénu - crusca
bréšca - favo
bréšcà - calpestare un escremento
brétiu (a) - nella locuz. avv. a brétiu alla rifusa, a casaccio; in abbondanza (ghe nè a brétiu - ce n'è in abbondanza)
brichétu - fiammifero (di legno)
bricicheta - bicicletta (termine antico e desueto)
brilùn - briglia facciale; redine corta
bròca - rappa; ramoscello (in partic. di fico)
brochéta - chiodo per ferrare le scarpe
bròcu - brocca per l'acqua in terracotta
bròdu - brodo
bròsa - spazzola da bucato
brosà - spazzolare, strigliare
bruéta - carriola (dal francese: brouette)
brügàja - bricciola
brügu - erica (Erica scoparia, Erica arborea) (tèšta de brügu - zuccone, sciocco)
brügura - crosta di una ferita
brùju - muco nasale
brùjusu - tipo di fungo ricoperto da una sostanza viscida che sembra muco nasale
brün - bruno
brùnçu - bronzo
brüšcà - tostare (il caffè) (brüscà u cafè - tostare il caffè)
brüšcacafè - tostacaffè
brùssu - formaggio tipico (ricotta di capra inacidita)
brüštia - pettine
brütà - sporcare, lordare; brutta, sporca
brütàse - sporcarsi
brütésu - sporcizia, sudiciume; bruscolo, bruscolino (on in brütésu int'in öiju - ho un bruscolino nell'occhio); fig.: persona brutta/cattiva
brùtu - ramoscello, fronda (in partic. dell'ulivo)
brütu - brutto, sporco
brüxà - bruciare; bruciata
brüxàu - bruciato
brüxatà - bruciacchiare, scottare
brüxaüra - bruciatura
brüxù - bruciore
bùca - bocca
bucà - boccata
bucùn - boccone
bucunà - boccone, boccata
büdégu - rana pescatrice; fig.: persona poco socievole, che parla poco
büfé - mobile da cucina (buffet)
bùffa - truciolo della pialla
bufunà - folata, ventata
bùga - boga (Boops boops)
bügà - bucato
bugià - muovere, spostare
bugiàse - muoversi, spostarsi
bùgiu - acerbo
bujàca - cemento molto liquido (usato in partic. per riempire gli spazi fra le piastrelle)
bujènte - bollente
bujì - bollire; fermentare
bujìu - bollito, lessato; anche carne bollita o taglio di carne destinato ad essere lessato
bujö - secchio (in partic. quello usato dai muratori)
bujòta - bacinella estraibile, della cucina economica; per estens. bottiglia dell'acqua calda (da portare a letto)
bùju - bollore (fa tirà in buju - mettere nell'acqua in ebollizione fino a quando ricomincia a bollire)
bujurétu - secchio usato nei pozzi a noria (i bujuréti ruotando si immergono nell'acqua e la portano sù)
bulà - quantità indefinita
bulégà - muovere, tentennare (detto ad es. del manico di un attrezzo)
bulégàse - muoversi
buléta - pacchetto di tabacco (per fare sigarette o da pipa)
bulìciu - omosessuale
bùlu - ombelico;  bùlu de ciculàta - tavoletta (di cioccolato)
bülu - essere capace, abile
bunbàixu - stoppino del lume o della candela
bunbùn - maggiolino; nome usato per gli insetti (coleotteri) della famiglia degli scarabeidi (Cetoniinae)
bunbùn da mèrda - scarabeo stercorario
bùnda - sponda, ciglio della fascia
bundàssu - precipizio, burrone
bundùçu - abbondante (riferito soprattutto al peso)
bunétu - budino
bunpàtu - solo nella locuz. a bun pàtu: a buon mercato
bùra - gemma, getto, germoglio (in partic. della vite)
buràixa - boraggine
burdèlu - chiasso, confusione, rumuore; anche disordine
burdélùsu - chiassoso
Burdighéa - Bordighera
Burdigòti - abitanti di Bordighera
buréu - fungo (in genere)
burfìgura - vescica
burì - germogliare
burìn - germoglio (in partic. delle patate) (lèvu i burìn ae patate - tolgo i germogli alle patate)
bursa - borsa, portamonete
buru - paonazzo; anche grigio-marrone
büru - burro
büsa - sterco (di mucca o di mulo, asino, cavallo ecc.; per capre, pecore e conigli vedi cagarèla)
büšca - scheggia di legno
büšche - pezzetti di legno (o di paglia ecc.) usati per tirare a sorte (tirà e büsche - tirare a sorte)
bušchijùn - piccolo pezzo di legno che schizza quando si spaccano i ceppi
buselùn - foruncolo, eruzione cutanea
bušticà - muovere
bušticàse - muoversi, sbrigarsi
butà - bottaio
bùte - botte
butégià - lasciar cadere accidentalmete (usato solo per cose che si possono ammaccare); ammaccata
butégiàu - ammaccato (a seguito di una caduta) (sa méra a l'è butégià - questa mela è ammaccata)
butìja - bottiglia
butijéta - bottiglietta
butijùn - bottiglione
butà - rimbalzare
bùtu - balzo, rimbalzo
butüra - talea (in partic. di rosa)

Inizio


- C -

- casa
cabàna - capanna
cabarè - vassoio
cacanà - ridere rumuorosamente
caciaù - cacciatore
caciavìe - cacciavite
càcu - caco (albero e frutto) (Diospyros kaki)
cadèrnu - quaderno
caéna - catena
cafè - caffè
cafétèira - caffettiera
cagà - defecare
cagarèla - sterco a piccole palline di animali di piccola taglia come capre, pecore, conigli, topi ecc.
cagarìa - diarrea
cagadinè - falena (o le farfalline che stanno in casa ritenute portafortuna)
cagaù - gabinetto, latrina
caghéta - diarrea
cagnö - grillotalpa
caiche - qualche
caicün - qualcuno
caicòuça - qualcosa
cajéta - bolla, vescica (lesione cutanea, acantolisi)
calendàriu - calendario
calitü - eucalipto (Eucalyptus)
camalà - trasportare pesi
camalu - facchino, scaricatore
camamìla - camomilla (Matricaria recutita)
camìn - sentiero, strada campestre; cammino
caminà - vano d'ingresso della casa; camminare
caminétu - viottolo di campagna; anche spazio fra le piante usato come passaggio
camìxa - camicia
camixéta - camicetta da donna
camixöra - giacca, giubba
càmura - tarlo del legno
camurà - tarlare
camuràu - tarlato
can - cane
càn sinistru - salamandra (Salamandra salamandra)
càna - canna (Arundo donax)
canà - grondaia
canapè - divano
canàpia - naso grosso (u l'à ina canàpia c'a pà in'amorciaù - ha un nasone che sembra uno spegni-candela)
canarègia - esofago
canaròtu - valeriana rossa (Centranthus ruber)
cancarigàn (in) - su una gamba sola (andà in cancarigàn - camminare su una gamba sola)
cancarùn - vino di bassa qualità
cancèlu - cancello
cancòrsu - ballerina nera (Motacilla alba yarrellii)
candàcu - persona che si attarda facilmente, perditempo (ti sèi propiu in candàcu - sei proprio un perditempo)
candéra - candela
candérè - candeliere
càndu - quando
caneàssu - catenaccio, stanga di ferro per tenere chiusa la porta
canéèlu - cerchio di ferro fissato al muro a cui legare gli animali da soma
caneštrèlu - dolce a forma di ciambella
canissu - canniccio, usato al posto del soffitto, che stava sotto le tegole nelle vecchie case
canpàna - campana
canpanà - campanaro
canpanéta - campanella
canpanéte - convolvoli (Convolvulus althaeoides)
canpanèlu - campanello
canpanìn - campanile
canpés-ca (a) - disordinatamente
Canpurùsu - Camporosso
Canpurusìn - abitanti Camporosso
cantà - cantare; stadera senza piatti (gli oggetti da pesare sono attaccati con ganci) per pesi da 10 a 37 kg. e da 37 a 120 kg.
cantèlu (de) - nella loc. avverbiale de cantèlu: di coltello, appoggiato sul lato più stretto
càntera - cassetto
cànti - legacci (corde, nastri di tela) applicati agli angoli del lensurùn (vedi) per chiuderlo.
càntu - angolo (in partic. di una stanza); spigolo; angolo esposto al freddo; quanto
cantùn - angolo; luogo di poca importanza; luogo nasconto, discreto
cantunè - cantoniere
canùn - corpo cilindrico forato (in partic. il pezzo di canna compreso tra due nodi)
capèlu - cappello
capunà - capitozzare, tagliare i rami a un albero
capüsà - sminuzzare la legna (capüsà u giàsu - sminuzzare rametti di pino, usati come lettiera nella stalla)
cara - cara, costosa
carà - portare giù; scendere; discesa, strada in discesa
caramà - calamaio
carànta - quaranta
caratèlu - piccola botte (circa 200 litri)
carbùn - carbone
carcà - premere, comprimere
carcagnà - colpo di tacco
carcagnu - calcagno, tallone
carcas-carasse - saltimpalo (Saxicola torquata)
cardèla - crespigno (Sonchus asper, Sonchus oleraceus)
cardèla sarvaiga - verzellina (Sonchus arvensis; Senecio vulgaris)
cardelìn - cardellino (Carduelis carduelis)
carégà - caricare
carèga - sedia
caréghè - seggiolaio (che ripara le sedie)
caréghéta - seggiolina; seggiolone alto per bambini
carégòtu - poltrona
caréscima - quaresima
carétè - carrettiere
carétu - carretto a mano
carìge - fuliggine
carlevà - carnevale
carmu - calmo
carne - carne
carne da gaijna - pelle d'oca
carparu - carpine (Carpinus betulus)
carta - unità di misura per le olive (corrispondente nel sistema metrico decimale a 20 litri; 4 quarte = un sacco)
caru - caro, di prezzo elevato
carù - calore
càru - carro
carùcula - carrucola
carùgiu - vicolo, strada stretta (e generalmente poco luminosa)
carugétu - vicoletto
casa - mestolo
casà - mestolata
càsa de l'àiga - mestolo (usato per prendere l'acqua dal secchio)
càsa lasagnàira - schiumarola
casaròla - casseruola; fig.: buono a nulla
càscia - cassa; anche cassa da morto
cascéta - cassetta; anche cassa toracica
cašchéta - berretto con visiera
cascè - cassiere
casöra - cazzuola
caštàgna - castagna; castagno (Castanea sativa)
caštagnöra - nome usato per larve di diversi insetti (maggiolino ecc.) che vivono nella terra e danneggiano le colture
caštàgnun - castagnaccio
caštèlu - castello
casùn - casupola rustica di campagna con un'unica stanza di pochi metri quadrati, usata come riparo e ricovero attrezzi
catòrse - quattordici
càtru - quattro
càtu! - certo!, sicuro!
càu - quale
caucàgna - cuccagna
càudu - caldo
càusa - calza; base della pianta
causìna - calce, calcina
causìna dròlica - calce idraulica
causinàsu - calcinaccio
causòto - calzettone
càusu - calcio
cautüra - coltura, terreno preparato per essere piantato
cavàgnu - cestino basso, di castagno intrecciato, col manico per portarlo a mano o appeso al braccio
cavagnöra - cestino, di castagno intrecciato, alto e stretto con due manici ai quali si applica una tracolla per appenderlo alla spalla
cavàgnura - punto del fusto di un albero da cui si dipartono i rami principali (fà cavàgnura - aver terminato lo sviluppo; non crescere più)
cavàlu - cavallo
cavéji / cavéju - capelli / capello
cavéùrna - averla (Lanius collurio, Lanius minor, Lanius senator, Lanius excubitor)
cavièira - fettuccia (usata per orlare abiti e biancheria e come legaccio per le mutande da uomo e per le gonne)
céga - piega (a céga de braghe - la piega dei pantaloni)
cégà - piegare, incurvare
cégàu - piegato, curvo
céixi - ceci (Cicer arietinum)
cén - pieno; ripieno per cima
cercèlu - cerchio
cercià - picchiare, sculacciare (riferito in partic. ai bambini: se nu ti štai bravu te cerciu - se non stai bravo ti sculaccio)
cérciu - cerchio
ceréga - chierica, tonsura
ceréghèlu - veccia (Vicia sativa)
ceréghétu - chierichetto
cerégu - chierico
cerèixa - ciliegia; ciliegio (Prunus avium)
céta - piega, crespa del vestito
chélu - quello
chéštiùn - questione
chìnçe - quindici
chinçéna - quindicina
chitàra - defogliatrice, attrezzo per separare le olive dalle foglie (chiamato così per le corde metalliche su cui rotolano le olive)
ciabrotà - chiaccherare; borbottare, brontolare
ciabròtu - scherz.: bambino che parla in continuazione (chiacchierone)
ciacrìn - tristezza
ciacrinau - triste, afflitto
ciàga - piaga
ciàira / ciàiru - chiara / chiaro, limpido, evidente
ciàira d'övu - albume
ciamà - chiamare
ciamàse - chiamarsi
ciàn - piano; ripiano; terreno pianeggiante
ciàn cianìn - piano piano; lentamente
cianèlu - piano, pianeggiante, piatto
cianìn - piano, adagio, lentamente
ciàgne - piangere
ciànsa - fortuna (avé da ciànsa - aver fortuna; essere fortunati)
ciànta - pianta
ciantà - piantare, conficcare
ciantè - terreno incolto che si prepara per poter impiantare una coltivazione
ciàpa - lastra di pietra; di marmo (ciàpa de marmaru)
ciapacàn - accalappia cani
ciapamušche - carta moschicida
ciapéta - piastrella
ciapéléta - pasticca, caramella
ciapulà - giocare con l'acqua (in partic. dei bambini)
ciapùn - ferro di cavallo (anche di mulo o di qualsiasi animale che venga ferrato)
ciapunà - ferrare
ciapunàu - ferrato
ciapùra - trappola
ciarabàn - carro a quattro ruote trainato da uno o due cavalli
ciarabüju - fracasso, trambusto (in partic. strepito fatto presso la casa di due vedovi che si sposano)
ciaràfu - cianfrusaglia
ciàsa - piazza
ciasà - piazzale
ciavaüra - serratura
ciàve - chiave
ciavèlu - foruncolo, pustola
ciavirà - rovesciare, capovolgere
ciaviràse - capovolgersi, cappottare
cicà - ciccare, masticare tabacco
cichétu - bicchierino per liquori
ciciö - nome di vari uccelli "cincie" (bigia, mora e cinciallegra), ciuffolotto, monachella, scricciolo
cicìu - crocchia, chignon
ciculàta - cioccolato
ciculatè - cioccolataio
ciculatìn - cioccolatino
cìnbra - piacere, andare a genio (usato spesso in senso negativo a nu me cìnbra - non mi piace / non mi va a genio)
cincia - altalena
cincià - dondolare (specialmene con l'altalena)
cintà - recintare
cintàu - recintato
ciòn - chiodo
ciopégà - zoppicare
ciòta - buca (depressione) circolare all'interno della quale si seminano i fagioli o le zucchine ecc.
ciòtu - buca, fossa, fosso
ciòusa - chioccia
ciòusu - chiuso (riferito in partic. a una via: carùgiu ciòusu - vicolo chiuso)
ciövašcu - acquazzone
ciöve - piovere
ciprèsu - cipresso (Cupressus)
ciü - più (avv. e agg.), serve a formare il comparativo di maggioranza di aggettivi e avverbi
ciùca - sbornia, sbronza
ciucatùn - ubriacone
ciùcu - ubriaco
ciüghe - chiudere (solo nella locuz. ciüghe i öij / ciüghe l'öiju - chiudere gli occhi / strizzare l'occhio)
ciulérò - fregatura (on pijàu in ciulérò - ho preso una fregatura)
ciüma - piuma, penna; anche penna per scrivere, biro ecc.
ciümasu - pennacchio
ciümìn - pennino
ciùn - tipo di chiocciola (Helix aperta born); per saperne di più vedi qui
ciunbà - piombare, cadere dall'alto, tuffarsi
ciùnba - tuffo
ciùnbu - piombo
ciütòštu - piuttosto
- cuore
còcina - accento, inflessione
cöga / cögu - cuoca /cuoco
cöje - cogliere, raccogliere
cöiru - cuoio
cöixe - cuocere
cöixìna - cucina
còla - colla; collina, altura
colà - inghiottire, ingoiare
colàu - inghiottito, ingoiato
còlu - collo
contà - contare; raccontare
còntra - contro; nella loc. avv. (pé còntra: di fronte, dirimpetto)
contu - conto
contu (de) - importante
contu (fa) - fare finta (fà còntu de rèn - far finta di niente)
còrba - cesta (in partic. cesta parallelepipeda di castagno intrecciato per il trasporto dei fiori recisi)
còrda - corda
còrnu - corno
cornàja - cornacchia (Corvus corone)
còrpa - colpa
còrpu - colpo, urto
cöscia - coscia
còšta - costola; nervatura mediana di una foglia (còsta de géa - costa di bietola); in oggetti come mattoni, tavole ecc. lato di minor altezza
còšta (de) - nella loc. avverbiale de còsta: di coltello, appoggiato sul lato più stretto
cötu - cotto
còuru - cavolo (generico); anche coro
còuru da sciùra giànca - cavolfiore bianco (Brassica oleracea var. Botrytis L.)
còuru da sciùra négra - cavolfiore romanesco (Brassica oleracea var. Botrytis)
còuru du cùpu giàncu - cavolo cappuccio (Brassica oleracea var. capitata)
còuru du cùpu négru - cavolo verza (Brassica oleracea var. sabauda)
cràcia - incrostazione, patina di sporcizia
crainéta - clarinetto
cranùn! anche sacranùn! - caspita! esclamazione di rabbia o di meraviglia
cràva - capra (Capra hircus); congestione
cràva mùta - ragno d'acqua (Gerris lacustris)
cravéu - capretto
créde - credere
crédènsa - credenza, mobile da cucina o da sala da pranzo
crémà - bruciare, cremare
crémaixùn - acidità, bruciore di stomaco
crésce - crescere
créšta - cresta (del gallo)
crìa - grida, annuncio pubblico (bàte a crìa, battere sul tamburo (o suonare la tromba) per attirare l'attenzione e fare l'annuncio pubblico)
crìca - maniglia, pomolo della porta; scatto della serratura
crichétu - nottolino che assicura la chiusura di uno sportello; "sicura" della serratura
crìn - crine (usato come imbottitura dei materassi)
cröà - cadere, staccarsi (detto di foglie, frutti, denti, capelli)
cròta - soffitto
cròvu - iris (Iris germanica); spesso usato nella forma plurale cròvi
cròvu - corvo (Corvus corax, Corvus frugilegus)
cröve - coprire
crövilèitu - copriletto
cruàta - cravatta
crùixe - croce
crusìja - parte centrale della schiena (dorso) degli animali da soma (portà in crusìja - portare sul dorso)
crušta - crosta
cruštijùn - pezzo di crosta di pane
cruturà - chiocciare; detto anche di pentola che bolle a fuoco lento (facendo un rumuore simile al 'chiocciare')
crüu - crudo
crüvèrta - coperta
- culo, sedere; fondo di un recipiente
cùa - coda
cuà - covare
cuarùssa - codirosso (Phoenicurus phoenicurus)
cubàita - dolce tipico di miele e nocciole tra due cialde
cùbia - coppia
cübu - buio
cübun (a) - al buio
cüchétu - bozzolo del baco da seta, usato come concime
cùciu - cuccia
cücu - cuculo (Cuculus canorus)
cùfa - cesta di castagno intrecciato, di forma tronco conica, con due maniglie
cügiancu - culbianco (Oenanthe oenanthe)
cugurüsu - cocuzzolo, cima, sommità
cügna / cügnau - cognata / cognato
cugùmaru - cetriolo (Cucumis sativus)
cùja / cùje - testicolo / testicoli
cüjà - cucchiaio
cüjarìn - cucchiaino
cujàse - sciocco; stupido
cùje brüte - briccone, birbante, lazzarone
cùita - fretta, premura
cujunà - canzonare, prendere in giro
cuixìn / cuixìna - cugino / cugina
culàna - collana
cumandà - comandare, commissionare
cùme - come
cumesciùn - commissione
cumò - comò, canterano
cumudìn - comodino (voce moderna, italianismo)
cumüna - comune
cüna - culla
cünà - cullare
cuncanìn - fumosterno (Fumaria officinalis)
cundì - condire
cundijùn - insalata mista a base di pomodori con cetriolo, cipolla, olive
cundütu - intercapedine; cunicolo (in partic. quello per portare all'aperto l'acqua delle sorgenti)
cünéta - cunetta
cunfìn - confine (in partic. confine di proprietà)
cunfüxùn - confusione
cungè - congedo (da militare)
cuniju - coniglio (Oryctolagus cuniculus)
cünìu - cuneo
cunpanàigu - companatico
cunpasciùn - compassione
cunsàrva - conserva, salsa di pomodoro
cunséja - consigliare
cunséju - consiglio
cunsümà - consumare, logorare
cuntèntu - contento, soddisfatto
cunùsce - conoscere
cùpa - coppa
cupà - nel gioco delle carte dividere (tagliare) il mazzo di carte
cùpe - coppe, cuori (seme nel gioco delle carte)
cupéta - tazza; cupétina - tazzina
cùpu - coppo, tegola; ma anche foglie centrali ancora chiuse (cuore) del cavolo verza, cavolo cappuccio o della lattuga
cupunàiga anche cunpunàiga - grosso tappo centrale di sughero della botte
ra - cura
rà - curare
curà - colare; filtrare; scolare
curabròdo - colabrodo; scolapasta
curàgiu - coraggio
rasùn - fondo, rimasuglio
curétu - colino
curènte - corrente
curidù - corridoio
curidùre - corridore
riusu - curioso
curmégna - trave portante del tetto (trave di colmo)
cùrmu - colmo; ricolmo; sommità del tetto
curnixe - cornice
curnüda - bigoncia, recipiente in doghe di legno, di forma tronco-conica rovesciata, per il trasporto dell'uva con i muli
cùrsa - corsa
cürtu - corto
curù - colore
curùnbu - colombo, piccione (Columba livia)
curunéta - corona del rosario
cuscì - così
cuscìn - cuscino
cùštu - cespuglio; cespo d'insalata, di bietola ecc. (in cùštu de géa - una pianta di bietola)
cusutàn (au) - in fondo (au cusutàn - in fondo)
cusurvàn (au) - in cima (au cusurvàn - in cima)
cutélà - coltellata
cutèlu - coltello
cutèlu sèra - seghetto a lama libera per potare
cùtura - coperta imbottita (come un piumino ma riempito di lana anziché piume)
cuvéa - voglia, desiderio
cüvèrcià - coprire col coperchio
cüvèrci - piatti da banda
cüvèrciu - coperchio
cüvèrta / cüvèrtu - coperta / coperto
cüxe - cucire
cüxiu - cucito
cüxiüra - cucitura

Inizio


- D -

da - dalla
- dare
dabòn - davvero (pe dabòn - per davvero)
dàju - falce fienaria
damixàna - damigiana
damùnte - sopra (di sopra)
danà - dannare
dànci - poco fà
dànu - danno
dapertütu - dappertutto
dàu - dal
davàle - sotto (di sotto)
de bàda - gratis, senza pagare (se intra de bàda - si entra senza pagare)
débì - tabacchino
decalìtru - decalitro, tipico contenitore da 10 litri usato in cantina per travasare il vino
decàru - gradito, ben accetto (u m'è decàru - mi è caro)
déferènte - differente, diverso
défìsiu - frantoio
dèixe - dieci
dèixéna - decina
dèixènbre - dicembre
délòngu - spesso, continuamente
démàn - domani
démandà - domandare; chiedere l'elemosina
démùra - giocattolo, balocco, divertimento
démùrà - giocare, divertire
démùràse - divertirsi
déinà - Natale (voce in disuso sostituita da Natale)
dénài - davanti
déntà - morso
dènte - dente
déntèira - dentiera
dépöi - dopo
dérè - dietro
derenàu - stanco da avere le reni indolenzite
derìva - vicino, a breve distanza
dérligà - slegare; sciogliere dai legacci
dérligàu - slegato; sciolto dai legacci
dešbarasà - sbarazzare, sgomberare
dešbaràtu - svendita, liquidazione, sbarazzo
dešbérì - spettinare; sbrogliare, districare
dešbériu - spettinato, arruffato
dešbrenegà - sbricciolare; sbricciolata
dešbrenegàu - sbricciolato
dešbrücà - scartare (togliere dalla carta), spacchettare, sfasciare
des-carégà - scaricare
des-causà - scalzare, togliere un po' di terra attorno al ceppo di una pianta
des-càusu - scalzo
des-cegà - dispiegare
descià - svegliare
desciàse - svegliarsi
desciàu - sveglio
desciü - sopra
des-cioà - schiodare
des-ciulà - far premura, sollecitare
des-ciulàse - sbrigarsi
dešcröve - scoprire
déšcu - tavolo
dešcunpasà - oltrepassare
dešcüvècià - scoperchiare, togliere il coperchio
dešcüvèrtu - scoperto
déšcüxe - scucire
déšcüxiu - scucito
dešdinscià - sgonfiare
dešdinsciàu - sgonfio
désértü (fa) - disertare
dešfà - disfare, sciogliere (dešfà i grupi - sciogliere i nodi)
dešfàu - disfatto
dešgagiàu - agile
dešgajà - fondere, sciogliere, liquefare col calore una cosa rappresa, coagulata o congelata
dešgajàse - fondersi, sciogliersi, liquefarsi
dešgajàu - sciolto,fuso, liquefatto sotto l'azione del fuoco o del sole
dešgaribàu - sbadato, malaccorto
dešgàribu - sgarbo
dešgenàu - spigliato
dešgöjà - svolgere, srotolare la matassa o il gomitolo, dipanare
dešgöjàu - svolto, srotolato
dešgranà - sgranare (fagioli, piselli, o anche granoturco)
dešgràsia - disgrazia
dešgrupà - sciogliere un nodo (grùpu)
dešgrupàu - sciolto (dai nodi, ma anche nei movimenti)
dešgruscià - sgrossare
dešgrusciàu - sgrossato
dešgurdìu - sveglio, svelto, vivace sul lavoro
dešgurià - sturare (un lavandino, un pozzo ecc.) in modo che si svuoti
dešpèitàu - con il petto scoperto (con la camicia aperta)
dešpèìtu - dispetto
dešpentenà - spettinare; spettinata
dešpentenàu - spettinato
dešpiaixèi - dispiaceri
dešpöjà - spogliare, svestire; svestita
dešpöjàse - spogliarsi, svestirsi
dešprèixà - disprezzare
dešpumelà - sbottonare
dešpumelàu - sbottonato
deštacà - staccare
deštacàu - staccato
deštapà - stappare
deštapàu - stappato
deštréntu - torchio per la spremitura dell'uva
dešvià - svitare
dešviàu - svitato
- dire
dià - ditale; ditata, impronta lasciata da un dito
diàvu - diavolo
disète - diciassette
dìu - dito
dìu gròsu - pollice, alluce
dìu vermélin - mignolo
dixinöve - diciannove
dixötu - diciotto
dòna - donna
dòpu - dopo
dòpumègiudì - pomeriggio
dòpuséna - dopocena
dòrme - dormire
döta - dote
dòusa - spicchio d'aglio; bulbo in genere
drénte - dentro, all'interno
drìta - diritta; destra (a man drìta - la mano destra)
drìtu - diritto; destro (u bràçu drìtu - il braccio destro)
drolicu - buffo, comico, strano, curioso
dröve - aprire (anche indröve)
drövèrtu - aperto (anche indrüvèrtu)
drüu - sodo, rigido (riferito a un vegetale), rigoglioso, fresco (il contrario di appassito); fig. impettito
du - del
du bèlu - molto (ghe n'è du bèlu - ce n'è molto)
dùgiu - doppio
dügu - barbagianni; in senso figurato addormentato, intontito, apatico
dùi - due
duménega - domenica (avé Pàs-ca in duménega - avere Pasqua in domenica [essere fortunati])
dumèštegu - domestico
dùnde - dove (dùnde ti vai? - dove vai? / dùnd'on d'andà - dove devo andare)
durù - dolore
ru - duro, sodo, rigido
Dusàiga - Dolceacqua
Dusaighìn - abitanti di Dolceacqua
dùse - dodici
dùçe - dolce
duçéna - dozzina
duvérà - adoperare, usare
düxèntu - duecento

Inizio


- E -

e - le (art. f. pl.)
égà - esclamazione: ammirazione nel vedere cosa piacevole
éla - lei
éli - loro, essi
élu - lui, egli
èrba - erba
èrba de funtàna - capelvenere (Adiantum)
èrba gàta - Bupleurum lancifolium
èrixu - leccio (Quercus ilex)
értu - spesso, compatto
èšca - pietra focaia
èscì - anche, pure
èse - essere
ètu - etto

Inizio


- F -

- fare
fagiàn - fagiano (Phasianus colchicus))
fàitu (u) - patrimonio (u fàitu sò - il suo patrimonio)
faixö - fagiolo
faixörin - fagiolino
falas-cu - fallace, che non dà affidamento
fàme - fame
famija - famiglia
fanà - fanale
fanétu - fanello (Carduelis cannabina)
farìna - farina
farinà - farinata
farüpa - aghi di pino secchi (la massa di aghi di pino caduta ai piedi dell'albero)
fascelèira - piattaia, pensile a giorno per stoviglie
fàscia - striscia di terreno reso pianeggiante con lo spianamento a terrazze del pendio
fasciöra - striscia di lino o cotone usata una volta per fasciare i neonati
fàsciu - fascio, fascina
faštìdiu - fastidio
fasùn - foggia, forma
fatìga - fatica
fatigà - faticare
fatu - insipido, senza sale
faturiçu - sorriso forzato
fàuda (in) - sul grembo, sulle ginocchia (rif. in partic. ai bambini piàme in po' in fàuda - prendimi un po' sulle ginocchia)
fàude - gonna (in pà de fàude növe - una gonna nuova)
fàusu - falso
fàva - fava (Vicia faba)
féa - pecora (Ovis aries)
fèira - fiera
fén - fieno
fénèira - fienile
fénèštra - nicchia, spazio ricavato nello spessore di un muro
fenì - finire
fénuju - finocchio (Foeniculum vulgare)
fénujin - finocchio selvatico
férà - fabbro ferraio, maniscalco
ferenghèlu - fringuello (Fringilla coelebs)
férmu - fermo
fèru - ferro; arnese, utensile
ferügura - timo (Thymus vulgaris)
fèšta - festa
féštà - fare festa, non lavorare
- filo
fì da šchìna - spina dorsale
fiàse - fidarsi
fidèi - pasta alimentare in generale, secca o fresca
fifèru - filo di ferro
fiferétu - filo di ferro sottile
fìga - fico (frutto); volg. organo genitale femminile
fìgatu - fegato
fìgu - fico (albero)
fìja - figlia
fìjàštru - figliastro
fìjö - bambino
fìjosa / fìjosu - figlioccia / figlioccio
fìju - figlio
fìn - fino; fine, termine
fìna - sottile
fiöra - grosso mestolo usato in cantina per raccogliere il vino dal pozzetto della tìna, o nel frantoio per raccogliere l'olio lavato
fiöràme - ragazzone
ra - fila
firà - filare a mano lino, lana ecc.
firàgnu - filare di viti o di altre piante
fisciaüra - fessura, incrinatura
fogàgiu - focatico (antica tassa di famiglia)
fögu - fuoco; falò; incendio
fögurà - focolare, caminetto
föja - foglia
ra - fuori
forsi - forse
foudì - grembiule
fòura - favola
frabìca - fabbrica
frachétu - falco, falchetto, gheppio
frài - fratello
frairàštru - fratellastro
fràncu - lira (moneta)
fràs-ca - pioggia primaverile breve e improvvisa (e fràs-che de màgiu - le piogge di maggio)
frécia - fionda
frégugnà - frugare, rovistare
frèidu - freddo; temperatura rigida
fresciö - frittella (può essere dolce o salata)
fréšcu - fresco
frétasà - lisciare l'intonaco col frattazzo; intonacata
frétasàu - intonacato
frétàsu - frattazzo; intonaco
frévà - febbraio
frève - febbre
fricasà - frattaglie
frìge - friggere
frìta / frìtu - fritta / fritto
frità - frittata
fritüra - frittura
frixétu - trine, nastrino, merletto per ornare abiti femminili
frixùn - frosone (Coccothraustes coccothraustes)
fròda - fodera
frodà - foderare
frodàu - foderato
fronte - fronte
früštà - logorare, consumare (detto soprattutto di abiti e calzature)
früštàgnu - fustagno (stoffa bambagina usata particolarmente per pantaloni da lavoro e per giacche e pantaloni da cacciatore)
früštu - logoro, consumato
früta - frutta
fuétu - frusta (dei mulattieri e dei carrettieri)
fugàsa - focaccia; torta dolce
fuixe - foce
fümà - fumare
fümèla - femmina
fümì - fumaiolo, comignolo
fümu - fumo
fùndu - cantina
funeràle - funerale
fùnçu - fungo porcino
funtàna - fontana; sorgente
fùrca - forca per vangare, attrezzo con tre rebbi a sezione triangolare usato per dissodare il terreno (soprattutto nelle rose)
furcà - dissodare il terreno con la forca
fùrca de l'èrba - forca, tridente, attrezzo con tre rebbi a sezione circolare usato per spostare erba, fieno ecc.
furèštru - straniero, persona estranea al paese
furmàgiu - formaggio
furmàgiu da gratà - parmigiano; grana
furmìgura - formica
fürminànte - fiammifero di legno
furnà - fornaio
furnàixe - fornace
furnèlu - fornello
fùrnu - forno
fursìna - forchetta per cibo
fursìnà - forchettata
furtù - odore forte, penetrante
furtüna - fortuna
fusàu - torrente

Inizio


- G -

gà! - guarda!
gabignùn - stambugio, bugigattolo
gàccia - gancio, staffa
gàgia - gabbia (in partic. pe uccelli)
gagiàn - ghiandaia (Garrulus glandarius); anche gabbiano
gagiùn - grossa gabbia (dove allevare conigli)
gajàrdu - gagliardo, robusto, vigoroso
gajna - gallina
gajnà - pollaio
gajnàsu - sterco degli animali da cortile, usato come concime
gàire - guari, molto (usato spesso in forma negativa: nu ghe n'è gàire - non ce n'è molto)
gàiu! - guai!
galétu - spicchio di agrume (in galétu de purtegàlu - uno spicchio d'arancio)
galétu de marsu - upupa (Upupa epops)
gàlu - gallo
ganàscia - ganascia
gànba - gamba
ganbàli - stivali (in partic. quelli di gomma)
ganbaròta - sgambetto (i m'an fau a ganbaròta - mi hanno fatto lo sgambetto)
gànciu - gancio
gangàru - ganghero, cardine, parte (maschio) della cerniera murata o avvitata al telaio della porta
ganöfaru - garofano
gàntu - guanto
garbè - rigogolo (Oriolus oriolus)
gàrdia - guardia
garétu - malleolo
garì - guarire
garìa / garìu - guarita / guarito
ribu - garbo, buona educazione
gariju - gheriglio (di noce, nocciola, mandorla ecc.
garsùn / garsùna - ragazzo / ragazza
garùnbu - sconnesso
gàsa - nodo a fiocco
gaséta - asola, occhiello; fiocco dei lacci delle scarpe
gaštà - guastare, danneggiare
gàštu - guasto, danneggiato; cariato (per i denti)
gatijà - fare il solletico
gatiju - solletico
gatijun - accesso di tosse insistente
gàtu - gatto
gavàgiu - gozzo
gavèlu - fascina (in partic. di tralci di vite)
géa / gé - bietola / bietole (Beta)
gearàva - barbabietola (Beta vulgaris)
gèixa - chiesa, sia come edificio che come istituzione
genà - mettere a disagio
genàse - aver soggezione, vergognarsi
genàu - impacciato, timoroso
génbu - curvo (in partic. per l'età)
gengìe - gengive
gènte - gente, persone (fà gènte - richiamare l'attenzione, chiedere aiuto)
gerà - gelare; fredda
gerarìa - gelatina
geràu - gelato (per il gelo); freddo
gèrbu - gerbido, incolto
ru - gelo
gèštru - capriccio, usato di solito al pl. gèštri, capricci
gèštrùsu - capriccioso
gèsu - gesso
géva - zolla di terra
ghèra - guerra
ghidà - guidare
ghìndaru - arcolaio
ghirindùn - comodino (voce antica)
giacuminéta - mantide religiosa (Mantis religiosa)
giàgiu - stopposo, rinsecchito
giàina - putrella
giàira - ghiaia del greto dei torrenti
giairìn - spiazzo ghiaioso nel letto del torrente
giàlu - giallo
gianbùn - prosciutto (anche prusciütu)
giancòla - varietà di ciliegia di colore chiaro (bianco/rosso chiaro)
giàncu - bianco
gianchétu - bianchetto, novellame di sardina (spesso usato al plurale gianchéti)
giànda - ghianda
giàra - orcio, giara, contenitore per l'olio
giàsa - ghiaccio
giaštéma - bestemmia
giaštémà - bestemmiare
giàsu - strame, lettiera di strame, rametti di pino usati come strame
gìfre - orecchioni, parotite
gigiòla - fiocchetto appuntato sull'abito con uno spillo durante le feste (usato contrassegnare chi ha fatto un'offerta)
gilècu - gilèt, panciotto
gìna - scanalatura, fessura
ginèštra - ginestra bianca
giögà - giocare
giöghétu - giocattolo
giögaù - giocatore
giögù - gioco
giòštra - grosso ombrello, ombrellone (chiamao così perché assomiglia al tendone delle giostre)
giousemìn - geranio (Pelargonium)
gìpu - scagliola
girà - rivoltare, girare
girabrenchin - menarola, trapano a mano
gir - moschettone girevole, usato per legare animali (u giraù da cràva - il moschettone della capra)
ru - giro, curva; pozzo cilindrico interrato
girùça / girùçu - gelosa / geloso
giruçìa - persiana, imposta della finestra; gelosia
girutà - gironzolare, vagare senza metà
gìs-ca - verga usata per frusta
gis-casà - frustata data con la verga
giùcu - posatoio per le galline (dove le galline vanno a dormire)
giüdise - giudice
giügnu - giugno
giurnà - giornata
giuvéna / giuvénu - giovane; fidanzata / fidanzato
giuvenòtu - giovanotto
giuventù - gioventù
gnarà - tirare sù col naso
gnaugnà - miagolare
gnènte - niente
göba - gobba
göbu - gobbo
gòtu - bicchiere
gòugiu - piacere
grà - graticcio su cui si mettono ad essicare al sole fichi e pomodori
grafignà - graffiare; graffio
gragnöra - grandine
gramàta - recipiente in legno o metallo (oggi in plastica) per l'impasto di calce, malta o cemento
gramégna - gramigna (Cynodon dactylon)
gràn - grano, frumento
gràna / granèla - seme (gràna de süca - seme di zucca / granèla de pumata - seme di pomodoro)
granà - granire, cominciare a formarsi
granàu - granito, fornito di semi nel bacello
grànfu - crampo
granùn - granoturco, mais (Zea mays)
grascia - grasso animale, adipe
gràsu - grasso, obeso; anche grasso per lubrificare
gratà - grattare; grattugiare
gratacü - frutto della rosa canina
gratairöra - grattugia
gratàse - grattarsi
gràva / gravìn - ghiaia / ghiaia minuta
grébanu - rozzo, zotico, detto per lo più, in senso leggermente dispregiativo, degli abitanti della campagna
grépia - greppia, mangiatoia
grèvu - greve, pesante, corpulento (che ha difficoltà a muoversi)
grìlu - nome usato per grilli e locuste
grìsa o rìsa - filone di pane
grixèla - graticola
grixu - grigio
grixuràu - screziato
gròsu - grosso
grümèlu / grümelùn - grumo (in part. in un impasto)
grümelùsu - pieno di grumi (in part. un impasto)
grumiscèlu - gomitolo
grunghija - viticcio
grùpu - nodo
gùcia - goccia
gumeà - gomitata
gùmeu - gomito
gùnbu - vasca del frantoio nella quale si macinano le olive
ra - gola
gurà - golata, sorso, boccata
gùsu - gozzo (piccola barca a remi o a motore)
güštu - gusto

Inizio


- I -

ìna - una (art. indet.)
inaixau - inzuppato d'acqua
inandià - preparare, avviare un lavoro
inandiàse - incamminarsi
inaurigà - avviare un lavoro
inbarasà - imbarazzare, dare fastidio
inbarasàse - occuparsi di qualcosa, immischiarsi
inbarsimà - imbalsamare
inbaštì - imbastire
inbousà - inclinare
inboùsu - inclinato
inbröja - imbrogliare
inbröju - imbroglio
inbrücà - incartare, avvolgere
inbrücàu - incartato, avvolto
inbuiràse - nascondersi, mettersi al sicuro
inbuiràu - nascosto
inbutijà - imbottigliare
inbutijàu - imbottigliato
inbüu - grosso imbuto in doghe per mettere il vino nelle botti
incalàse - osare, farsi avanti
incaregnà - fare la corte a una ragazza
ìnce - riempire
ìnce l'agùja - infilare l'ago
inceù - imbuto
inciaštrà - impiastrare, sporcare
inciaštràse - sporcarsi
inciaštràu - sporco, impiastrato
inciàštru - impiastro
incioà - inchiodare
incioàu - inchiodato
inciòštru - inchiostro
inciucàse - ubriacarsi
incolu - addosso
in con - durante, nel corso (in con du dì - durante il giorno / nel corso del giorno)
indegnì - infettare
indegnìu - infettato
indérè - indietro
indröve - aprire
indrüvèrtu - aperto
indurmìu - addormentato
induvinà - indovinare
infurnà - infornare
ingalà - fecondare (in partic. l'uovo)
ingalàu - fecondato (in partic. l'uovo)
ingalotàse - inciampare
ignagnurìu - intontito
ignaràu - infreddato
ingöjà - avvolgere (specialm. spago e simili)
ingöjàu - avvolto
ingorgiàse - soffocarsi inghiottendo
ingremenìu - gremito, infestato
ingrunghijàu - avviticciato (avvolto come un viticcio)
ingurde - ingordo
inmasà - preparare i mazzi (di fiori)
inpèitàse - stizzirsi, risentirsi, impermalirsi
inpèitàu - stizzito, risentito, impermalito
insà - tagliare (con il coltello, ad es. il pane)
insaràta - insalata
insàu - tagliato
ins-càngiù - invece
inscetà - ansia, affanno, inquietudine, preoccupazione
inscià - gonfiare
ìnsciu - gonfio
insciurì - fiorire
insciurìu - fiorito
inçegnè - ingeniere
insème - insieme
inçenujàse - inginocchiarsi
inçenujàu - inginocchiarto
insertà - innestare
insertàu - chi esegue l'innesto
inšpondàse - sporgersi, protendersi
insuneghìu - assonnato
interesàu - tirchio, avaro
interèsu - interesse
intrà - entrare
intrànte - capace, abile
intrègu - intero; ingenuo
inturnu - intorno
inürbì - accecare; togliere le gemme
inürbìu - accecato
invèrnu - inverno
invèrsu - rovesciato (a rovescio)
invià - avvitare
inviàu - avvitato
isùra - isola

Inizio


- L -

labréna - Geco comune (Tarentola mauritanica) o anche Emidattilo o Geco Verrucoso (Hemidactylus turcicus)
làdru - ladro
ladrunìssu - ruberia
lafö - là (laggiù)
laghèlu o lavèlu - lavandino (da cucina)
lagiü - laggiù
làgu - pozzanghera; lago
laità - lattaio
laìte - latte
laitüga - lattuga
laitügura o töscegu - nome usato varie piante della famiglia Euphorbia che, se tagliate secernono, un liquido lattiginoso ed irritante
làma - lama
làmu - amo
làna - lana
lanbardàn - colui che procede in testa alla processione portando un fanale: persona alta, allampanata
lanbicà - distillare (con l'alambicco)
lanbicàse - lambiccarsi (il cervello)
lanbìcu - alambicco
lanbrìn - zoccolo del muro, zoccolo in tinta delle pareti interne, più o meno alto
lanbùrda - asse di legno (larga circa 10-12 cm. e spessa 1,5 cm)
lanbuštàgna - piccolo fardello, parte in cui si suddivide un carico per facilitarne il trasporto
lanegà - spargere
langhì - languire
lanpà - poco, piccola quantità (ina lanpà d'àiga - un po' d'acqua; ina lanpà de fögu - un po' di fuoco)
lanpešcü - chiaroscuro (luce incerta prima dell'alba o dopo il tramonto)
lànpu - lampo, fulmine
lapà - lappare, bere con la lingua degli animali
lapàsi - alghe verdi dei torrenti (Spirogyra)
làpi - matita, lapis
làrgu - largo
lasagnaù - mattarello
lascià - lasciare
lasciü - lassù
lassu - laccio, cappio
làu - lato
lavà - lavare; lavata
lavamèntu - clistere
lavaštrùn - acquazzone
lavàu - lavato
lavurà - zappare, dissodare
leàme - letame
léca - piccola tagliola per uccellini
lecà - leccare
lécu - ghiotto, goloso
lège - leggere
legèra - vagabondo, persona misera, scavezzacollo
lègiu - leggero, lieve
légne - legna da ardere
légnu - legno
lèitu - letto
lèlura - edera (Hedera helix)
lénga - lingua
lengàssa - malalingua
lènsa - lenza
lensö - lenzuolo
lensurà - fascio di erba o altro, contenuto del lensurùn
lensurùn - telo quadrato per il trasporto di erba, fieno ecc. con legacci (corde, nastri di tela - canti) applicati agli angoli per poterlo chiudere
lentišcu - lentisco (Pistacia lentiscus)
lérca / lércu - sinistra / sinistro (a man lérca - la mano sinistra / u brasu lércu - il braccio sinistro)
lércà - mancino
lérfairùn - ceffone, schiaffo
lèrfi - labbra
lescìa - lisciva, ranno
lesciàsu - ranno usato più volte; acqua spoca rimasta dopo il bucato
lèštru - finito, terminato
lèva - classe, età
levà - levare, togliere
levarésu - facilmente asportabile
levàu - lievito
lèvre - lepre (Lepus europaeus)
lìbru - libro
lichìdu - verderame, solfato di rame (in genere qualsiasi anticrittogamico contro la peronospora)
ligà - legare
ligàsa - legaccio
liscìa - grossa frana, zona franosa
lìma - lima
limà - limare; limata
limaùra - limatura
lìn - lino
listèlu - listello legno a sezione quadrata di 3-4 cm. usato per i tetti (sui listelli vengono posate le tegole)
Lisùra - Isolabona
Lisùrénchi - abitanti di Isolabona
locià - scuotere, dondolare, oscillare, tentennare (me lòcia in dènte - un dente mi muove)
lòche - cosa, che cosa (in senso interrogativo: lòche ti ai ditu? - cosa hai detto?)
lögni - lontano, distante
lögu (fa) - aver bisogno (me fà lögu - ho bisogno)
lolì - ciò, quello lì
lòna - pozza d'acqua, laghetto
lòngu - lungo
lonsà - lampeggiare (dei fulmini in distanza)
lònsu - lampo
lüchétu - lucchetto
lügaru - lucherino (Carduelis spinus)
lügnešdì - lunedì
lüju - luglio
lümàsa - chiocciola (generica)
lüme - lume (in partic. a olio); in senso fig. persona sporca, unta
lümengùçu - sporco, viscido
lüna - luna
lunbrigu o munbrigu - lombrico
lùpa - muschio
lùrda - ceffone, sberla; sorda
lùrdu - sordo
lüséta - lacrima
lüštra - lucida
lüštrà - lucidare
lüštru - lucido; lucido per scarpe
lutùn - ottone
lùvu - lupo (Canis lupus)
lüxambö - lucciola (Luciola italica, Lampyris noctiluca)
lüxe - luce; splendere (del sole: lüxe u sù - il sole splende); corrente elettrica
lüxernà - lucernaio
lüxìna - centrale elettrica (in partic. idroelettrica)

Inizio


- M -

- male; madre (forma abbreviativa di màire)
macarùn - maccherone
machétu - pasta d'acciughe (acciughe sotto sale tritate)
machignùn - mercante di bestie
machina du lichidu - pompa a zaino per il verderame
macìa - macchia
maciaštrìu - compatto; mal lievitato (in partic. il pane)
macìssu - massiccio, compatto
madòna - Madonna; suocera
magàju - tridente, zappa a tre rebbi
magétu - gladiolo selvatico (Gladiolus italicus, Gladiolus segetum)
magnìn - stagnaio, calderaio (generalmente ambulante)
màgru - magro, macilento (màgru cume in'anciùa - magro come un'acciuga)
magùn - magone, groppo alla gola dovuto ad intensa emozione
maguràu - ammaccato, livido, contuso
magurra - ammaccatura, contusione
maja - maglia
majö - magliolo, talea di vite
mairàštra - matrigna
màire - madre
màire granda - nonna (nell'uso comune abbreviato in màire seguito dal nome es. màire Rusina = nonna Rosina)
mairìna - madrina
maìštru - maestro (di scuola)
majùn - maglione
maixélà - macellaio
maixèlu - macello
maixì - muro di pietre a secco che sostiene le fasce
màn - mano
manà - manciata
mancìn - mancino
màncu - neanche
mandiàn - fannullone, vagabondo
mandrijà - fagotto, involto di cose contenute in un grande fazzoletto colorato, usato un tempo come borsa
mandrìju - fazzoletto
mandrùn - di traverso, obliquamente (nella locuzione daghe de mandrùn - colpire di traverso, obliquamente)
manéga - manica; anche tubo di gomma per innaffiare
maneghéta - piccolo tubo di gomma per innaffiare
manegià - maneggiare
manégu - manico
manéja - maniglia
mangià - mangiare
manixèlu - polsino
mantègne - mantenere
mantixu - mantice
màpa - parte (femmina) delle cerniera avvitata alla porta
mara - parte piatta del palanchino
maralevàu - maleducato
marandàu - malandato, malfermo di salute
marapica - piccone
maravéju! - mi meraviglio! (espressione di meraviglia, stupore)
marcì - marcire
marcinbràu - trasandato, trascurato
màrciu - marcio
marèla - matassa di lana o di cotone; per estens. anche di pasta alimentare secca (ad es. di tagliatelle)
margarìta - margherita (Leucanthemum vulgare)
marìa - cattiva, guasta, andata a male
mariàse - sposarsi
mariàu - sposato
marìna - mare, litorale
marinà - marinaio
marìsia - astuzia, malizia
marìu - marito
marìu - cattivo, guasto, andato a male
marligàu - mal legato
marmarìn - marmista
marmàru - marmo
marmelàta - marmellata
marmenà - sprecare, rovinare
marmenàu - sprecato, rovinato
maròn - marrone
maroùta / maroùtu - malata / malato
maroutia - malattia
màrsu - marzo
martà - scure per spaccare la legna
martarétu da giasu - piccola scure per tagliare e sminuzzare i rami
martélà - affilare la falce col martello
martélaùira - piccola incudine che si pianta nel terreno per affilare la falce col martello
martelìna - martello a penna (da muratore)
martèlu - martello (generico)
martinìca - freno del carro
marùçu - maroso, onda
masà - massaro (carica nella confraternita)
màsa - mazza tipo gemma
màsa cùbia - mazza tipo coppia
màsa da böi - puntale del vomere dell'aratro
maséta - mazzuolo da muratore
maçaghìn - magazzino
mas-cà - ceffone, sberla
màs-cara - maschera
mascèla - mascella, guancia
màs-ciu - maschio
maštegà - masticare
mašturìn - commozione, spavento
màsu - mazzo
matešdì - martedì
matìn - mattino
matinà - mattinata
màtu - matto
maùn - mattone
maùn cén - mattone pieno
maürà - maturare
maüra / maüru - matura / maturo
mautùn - montone
- miele
mécurdì - mercoledì
medaja - medaglia
mègia / mègiu - mezza, metà / mezzo, metà
mègialüna - mezzaluna
mègia muta - moneta da quattro soldi (20 centesimi)
mégiàn - mediano, che sta nel mezzo
mègianöte - mezzanotte
mègiudì - mezzogiorno
mèi - mio
mèigà - medicare, curare; medicata
mèigàu - medicato
mèigu - medico, dottore
mèju - meglio, migliore
mèixìmu - medesimo
mèixìna - medicina
ména - qualità, tipo, modo
ménà - condurre
ménabelìn - rompiscatole
ménèštra - minestra
ménéštrùn - minestrone
mènta - menta
méntàssu - mentastro verde (Mentha spicata o viridis)
mèntu - vedi amèntu
méntun - mento
Méntun - Mentone
ménüu - minuto, sottile; au menüu - al minuto (vendere)
ra - mela, melo (Malus communis)
mercàu - mercato
mercürìna - mercorella (Mercurialis)
mèrda - sterco umano e animale
rèlu - fragola
réçàna - melanzana (Solanum melongena)
mergà (pl. mergài) - melograno (Punica granatum, L.)
mèrlu - merlo (Turdus merula)
mèrlu rucà - passero solitario (Monticola solitarius)
rùn - melone (Cucumis melo)
méšchìn - meschino, poveretto
méscìa - fico fiorone (frutto)
méscià - mescolare; fico fiorone (pianta)
més-cia - mistura di verdure per il minestrone
més-cià - mischiare
mésciùn - mietitura
mésciunà - mietere
més-ciüra - miscuglio
mesè - suocero
méçe - mese
mesüra - misura
méte - mettere
meùla - midollo osseo
- io
mìa - mica
mìle - mille
mìna - mina; anche unità di misura di volume per cereali, farina ecc. = 121 litri ca. (circa 1 quintale)
mìnça - milza
miriùn - milione
mištè - mestiere
möire - morire
molu - molle, morbido
ra - macina in pietra del frantoio; anche mola dell'arrotino
mòrde - molle, mordere
mordéntà - morso, morsicata
re - molire le olive
mòrsciu - morsa
mòtu - grumo; motocicletta
mouturà - moturale, misura per olive, 4 moturali = 1 quarta (vedi càrta)
- mulo
müà - travasare (in partic. il vino), spostare, trapiantare
müànde - mutande da uomo
mubìja - mobili, mobilio
mùcu - moccolo, avanzo di candela
mugugnà - brontolare
mugùgnu - protesta
mujè - moglie
müju - mucchio
muìra - salamoia
muléa - mollica
mumèntu - momento
munbrigu o lunbrigu - lombrico
mundà - mondare, in partic. separare le foglie dalle olive
mundaù - sistema per separare le foglie dalle olive in campagna, si appende una tenda contro la
     quale vengono lanciate le olive, le foglie, più leggere delle olive, cadono prima di arrivare alla tenda
munéga - monaca, suora
muntà - salire; salita, strada in salita
muntàgna - montagna
mùra - morra (gioco)
ra - mula
rà - murare
muràgiu - museruola
raja - muro, parete
ratè - mulattiere, conducente di muli
r - muratore
murìn - mulino
murinà - macinare grano, ma anche caffè, pepe ecc.; mugnaio
murinéto - macinino (generico)
murinéto du cafè - macinino per il caffè
murinéto du péve - macinino per il pepe
mursijùn - moscherino
murtà - mortaio
mùru - muso; in senso spregiativo: faccia
mùsa - vagina; frottola, fandonia
mùšca - mosca (generico)
mušchèira - moscaiola, mobiletto con rete metallica per proteggere il cibo dalle mosche
muštrà - mostrare, indicare, insegnare
mušcun - moscone, tafano
mùštu - mosto
muta - moneta da otto soldi (40 centesimi)
müta / mütu - muta / muto
müxica - musica
müxicànte - musicista, componente della banda musicale

Inizio


- N -

- no (negazione); nata
nàpia - naso grosso vedi canàpia
narìxa - narice
nàšca - piante della famiglia delle Asteraceae che nasce sui terreni aridi e incolti (Inula viscosa)
nàsce - nascere
naçüsà - annusare, fiutare; curiosare
nàçu - naso
nàta - sughero
nàu - nato
negàse - annegare
nège - cialda
négru - nero; negro (persona di colore)
negrùn - livido, ecchimosi
nemìgu - nemico
nèsa - nipote (femmina)
nesciün - nessuno
nèšpuru - nespolo (Mespilus germanica), pianta e frutto
neštegià - pulire; sfrondare le piante, potare
nétu - pulito
nève - neve
nèvu - nipote (maschio)
nià - nidiata; nidificare
nìgiu - nicchia (in partic. quella della chiesa che contiene una statua)
ninsöra - nocciola, nocciolo (Corylus avellana)
nìta - limo, fanghiglia che si forma sul fondo di paludi, pozzi e cisterne
nìu - nido
nìvura - nuvola
nìvuru - nuvoloso
nöà - nuotare
nöja - noria, macchina per sollevare l'acqua dai pozzi
nöira - nuora
nöitura - civetta (Athene noctua)
nöiturà - nottata
nòna - nonna (moderno, anticamente màire granda)
nònu - nonno (moderno, anticamente pàire grandu)
nöte - notte
növanta - novanta
növe - nove
növu - nuovo
nùì - noi
nùixe - noce (albero e frutto)
nùma - solo, soltanto
nuštrà - nostrano
nüu - nudo
nuvèlo - novello (De nuvèlu tütu è bèlu - Le cose sono nuove sono tutte belle)
nuvéna - novena
nuvènbre - novembre

Inizio


- O -

öjà - occhiata
öjàe - occhiaie
öju - occhio
òmu - uomo
ònibu - omnibus, diligenza a cavalli
òrdiu - orzo (Hordeum vulgare)
òrfanu - orfano
òrganu - organo
organétu - armonica a bocca
ör - ilatro (Phillyrea latifolia)
öriu - olio
ortìga - ortica (Urtica dioica, Urtica urens)
òrtu - orto
òçu - osso
ourixìn - orlo
òuru - oro
ötanta - ottanta
ötu - otto
övu - uovo

Inizio


- P -

- paio; padre (forma abbreviativa di pàire)
pà (u) - sembra (u pà - sembra)
paciügà - pasticciare e sporcarsi dei bambini; lavorare in modo disordinato
paciügu - pasticcio; cosa fatta male
pafèru - palanchino
pagà - pagare
pagàu - pagato
pàja - paglia
pajà - pagliaio
pajàsu - cercine, rotolo di stoffa arrotolato a cerchio, che le donne mettevano sul capo per portare pesi; pagliaccio
pajasùn - stuoia di canne sottili, usata per ombreggiare
pajèla - padella
pajelin - padellino, tegamino
pairàštru - patrigno
pàire - padre
pàire grandu - nonno (nell'uso comune abbreviato in pàire seguito dal nome es. pàire Giacò = nonno Giacomo)
pairìn - padrino
pairö - paiolo
pairöra - grosso paiolo
paìçe - paese
pajümì - paglia sminuzzata (usata come lettiera)
pàixe - pace
pàixe o pàixu - calma, mansueta / calmo, mansueto
pàn - pane
pàne - fiori dell'ulivo, il sing. pàna indica il grappolino di tali fiori
panairö - scarafaggio
panatè - panettiere, fornaio
panèlu - pannolino per bambini
panì - ammuffire, macchiarsi di muffa per l'umidità (in partic. i muri delle cucine dove c'è vapore e si tengono le finestre chiuse)
panìu - ammuffito, macchiato di muffa per l'umidità
pànsa - ventre, pancia
pansà - scorpacciata; avéne ina pansà: essere sazi o stufi; pijà ina pansà: prendere una botta di pancia
papàra - oca, anatra
papè - carta
papèi - documenti
ra - pala, badile
paraighè - ombrellaio
paràigu - ombrello
paramü - muretto che delimita la strada verso valle (ormai quasi scomparso, sostituito da ringhiere e guardrail)
paramùs-cu - ventaglio
paré - parete
parésce - sembare, assomigliare (usato quasi sempre impersonale)
parènte - parente
parés-cu - uguale, appaiato
paréta - paletta
parlà - parlare
parlàse - essere fidanzati
pàrma - palma
pàrmu - palmo, unità di misura (circa 25 cm.)
parmurèlu - ramo di palma, imbiancato al buio, con le foglie intrecciate che si porta la domenica delle palme
parpélà - battere le ciglia
parpèlu - palpebra, ciglia; anche orlo, bordo ripiegato
pàrte o partì - partire
partìa - partita
pàsa - oltre, più; appassita, avvizzita
pasà - passare
Pàs-ca - pasqua
pascènsa - pazienza
paštà - impastare
paštèca - anguria (Citrullus lanatus)
paštisà - pasticciare
paštisè - pasticciere
paštìsu - pasticcio, imbroglio
paštù - pastore
paštùn - pastone, mangiare per gli animali (in part. per le galline)
paštunàja - (Daucus carota)
pàsu - passo, inizio di un sentiero (u pàsu de Beragna - l'inizio del sentiero di Beragna); appassito, avvizzito
pàsura - passero (Passer domesticus)
patàta - patata (Solanum tuberosum)
pàta - pacca, colpo leggero dato con la mano; anche colpo preso cadendo
patanüu - completamente nudo
patì - patire, soffrire
patrùn - padrone, proprietario
patùn - manrovescio, ceffone
pàuta - fanghiglia, melma
pautrùn - fannullone, pigro
pautrùna - poltrona; fannullona, pigra
- piede
peà - pedata; orma, impronta di piede
peàe - pedate, pietre piane posate nel torrente per guadarlo
peatà - scalpicciare, battere i piedi
pecàu - peccato
pecaù - peccatore
pecìn - piccolo, piccino
pecùlu - picciolo, peduncolo
pedabòn - vedi dabòn
pegà - condire, spalmare, sporcare (in partic. di nero col carbone)
pegàu - condito, spalmato, sporcato (in partic. di nero col carbone)
pegurà - pastore (di pecore)
pèiga - tagliola, trappola per topi
pèitu - petto
pèixe - pece
pelandrùn - fannullone, scansafatiche
pèle - pelle
pelisùn - vestito pesante, cappotto
pelücà - spiluccare, mangiare poco e controvoglia
pelücùn - peluzzo, filaccia che rimane attaccata agli abiti
pendàgne - rami pendenti, anche tratto di terreno su cui pendono
pendarèli - ghiaccioli (candelotti di ghiaccio)
pènde - pendere
pendìn - orecchino
penèlu - pennello
penìsu - riccio di castagna
penòla - lungo palo di legno (in partic. usato dai muratori per le impalcature in legno)
pensà - pensare
pentenà - pettinare
pentenéta - piccolo pettine ricurvo usato dalle donne per tenere a posto i capelli o lo chignon (cìciu)
pepìa - pipita (malattia delle galline che le fà sempre bere)
perà - pelare, sbucciare
peràu - sbucciato; calvo
pèrde - perdere; spandere (detto di recipiente)
perè - gozzo o stomaco (in partic. delle galline)
pe rèn - vedi rèn
pernixe - pernice
peröja - buccia (della frutta o delle patate ecc.)
peröjaüra - sbucciatura, escoriazione
pèrsa - maggiorana (Origanum majorana)
perségu - pesca, pesco (Prunus persica)
perùn - pelo
perùsu - peloso
perüsu - pera, pero (Pyrus)
pèsa - pezza, straccio
peçà - pesare
pešcà - pescare
pešcaù - pescatore
pescè - pescivendolo
pescèira - pescivendola
pešchèira - cisterna parallelepipeda che raccoglie l'acqua per irrigare
pesciarà - focaccia locale condita con salsa di pomodoro, acciughe, olive e spicchi d'aglio; pizza
pésciu - pesce
pesèlu - pisello (Pisum sativum)
pesèlu de biscia - Piante della famiglia dei Latiri (Lathyrus latifolius, Lathyrus sylvestris)
pesigà - pizzicare, prudere; pizzico (ina pesigà - un pizzico)
pesìgu o pesigòtu - prurito; pizzico, pizzicotto
pesijùn - piccolo pezzo di stoffa, toppa
pèsu - nulla, nessuno
péçu - peso
petà - scoppiare
petàsu - stomaco (u m'è aréštau in sc'u petàsu - mi è rimasto sullo stomaco [non ho digerito])
petafronti - Silene vulgaris, chiamati così perché i bambini li fanno scoppiare battendoseli sulla fronte
petegià - scoreggiare
pétu - peto, scoreggia
peujéti - pidocchietti (sono chiamati così le neanidi di afidi e tripidi)
peuju - pidocchio; avaro, tirchio
péve - pepe (Piper nigrum)
peveréta - peperoncino (Capsicum)
peverùn - peperone (Capsicum)
piaixé - piacere; gioia; favore
picà - picchiare, colpire, urtare; bussare; anche cucire a macchina
picaüra - cucitura fatta a macchina
pìcu o piòsu - piccone (dal francese: pic, pioche)
picùn - campano di bovini e ovini (u picùn da cràva - il campano della capra)
picusìn - accetta
pìga - macchia, neo
pignàta - pentola; grosso mattone forato
pignö - pigna
pignöi - pigne; pinoli
pijà - prendere, afferrare
pìla - vasca quadrata (in partic. quella che raccoglie l'acqua di scarico dei frantoi); anche catasta di legna
pìn - pino (generico)
pìn giàncu - pino bianco (Pinus halepensis)
pìn negru - pino nero (Pinus pinaster)
pinpinèla - Poterium sanguisorba; nell'orto: aiuola rettangolare dove seminare
pinpirinèla - lippa, legno appuntito alle due estremità che veniva scagliato più lontano possibile battendolo con un bastone
piòsu o pìcu - piccone
piscià - orinare
pisciairö - vaso da notte
pisciögna - bisogno di orinare
pìsciu - orina
pišta - pestare
pištu - pesto (salsa di basilico, formaggio, pinoli, aglio e olio); pestato, frantumato
pištùn - libellula; pestello del mortaio
pità - beccare; fig. credere, abboccare, cadere in un tranello
pitapìn - crociere (Loxia curvirostra)
pitulà - piluccare l'uva
piunà - pigolare
pögiu - poggio
pöi - poi, dopo
pöidemàn - dopodomani
pòncu - poco
pònte - ponte
porcà - allevatore di maiale
porchéti - porcellini di terra (crostacei dell'ordine Isopodi, famiglie Armadillidiidae e Porcellionidae)
porchétu - porcellino d'India (Cavia porcellus)
pòrcu - maiale, porco (Sus domesticus)
porcušpìn - riccio (Erinaceus europaeus)
pòrge - porgere
pòrta - porta
portà - portare
portamantèli - attaccapanni
portégu - portico
poùça - luogo dove si appoggiavano i carichi portati a spalla per riposarsi
pouçà - posare
pouçàu - posato
pòusu - polso; tempia
povéru - povero
prafòn - soffitto (in partic. quello fatto con schegge di legno intonacate)
praçelà - manrovescio, ceffone
pràu - prato
prefundà - rovinare, distruggere; rovinata, distrutta
prefundàu - rovinato, distrutto
prefùndu - moltissimo, grande quantità (ti ài ašgairàu in prefùndu d'àiga - hai sprecato moltissima acqua)
pregà - pregare
preghèira - preghiera
Preinaùdu - Perinaldo
Preinaudénchi - abitanti di Perinaldo
preìxu - prezzo, costo
preixùn - prigione, carcere
preçéntu - giro vita
prève - prete
prevòštru - parroco
prìa - pietra, sasso
prìma - primavera
prìmu - primo
priù - priore
pröa - prova
pròpiu - proprio, veramente
prù - giovamento, utilità, pro (nelle locuz. fà prù)
pruàna - propaggine (in partic. di vite)
prübì - proibire
prübìu - proibito
prucesciùn - processione
pruméte - promettere
prusciütu - prosciutto (anche gianbùn)
prüxa - pulce (Siphonaptera)
puà - potare
puaìra - roncola
puàu - potato
pùfu - debito
pugiòlu - poggiolo, balcone
pùgne - pungere
pugniüra - puntura
pügnu - pugno
puìra - paura (méte puìra - spaventare)
puirùçu - pauroso (che ha paura)
pùla - pollastra, gallina giovane
pulàštru - pollo
pulènta - polenta
pulì - pulire
pulùn - pulcino
pumàta - pomodoro (Solanum lycopersicum)
pumàta sarvàiga - (Solanum nigrum)
pumèlu - bottone
pùmu - bocciolo, infiorescenza
punciùn - oggetto appuntito
punciùna - spingere ripetutamente con un oggetto appuntito
puntairö - spillo
puntu - punto
puntüra - iniezione
ra - polvere
puré - potere
ré - purea di patate
pürga - purga
pürgà - purgare
rì - intonacare
purìlu - basco (berretto)
purìn - verruca
pùrpa - polpa
purpéta - polpetta
purseléta - farfalla (in genere)
pursému - prezzemolo (Petroselinum hortense)
purtà - portale, architrave della porta
purtegàlu - arancia, arancio (Citrus sinensis)
purtùn - portone
pùrve - polvere da sparo
pùsu - pozzo
puturelùn - bambino piccolo

Inizio


- R -

radìcia - radicchio (varietà di insalata)
ragàgeru - rosa canina
ràgia - rabbia
rajà - urlare, gridare; sgridare
raìru - raro; rado
ràixa - resina (in partic. di pino); anche: patina di tartaro che ricopre l'interno delle botti
raìxa - radice
ralèntu - cattivo odore o sapore di muffa, di stantio, docuto all'ambiente chiuso e umido
ràma - ramo
ramà - quantità di cose; scroscio di pioggia
ramàsa - scopa
raméngu - ramingo, usato soprattutto nella loc.: andà a raméngu - andare in rovina
ràmu - rame
rànda - stecca di legno usata per scolmare la misura per le olive (cén a rànda - pieno fino all'orlo)
ranghegìa - zoppicare
ràngu - zoppo
rangugnà - brontolare, borbottare, lamentarsi
ràpa - vinaccia, l'insieme dei graspi dell'uva dopo la torchiatura
ràpu - grappolo (in partic. d'uva)
rapüja - raspo
ras-cegà - graffiare; graffio, abrasione
ras-cegaüra - abrasione
ras-cià - raschiare
raštèlo - rastrello
raçù - rasoio
ratairö - trappola per topi
ratapéna - pipistrello (Chiroptera)
ràtu - topo (Mus musculus)
ratunà - rosicchiare, rodere
ratunàu - rosicchiato (in partic. dai topi)
ràva - rapa (Brassica rapa)
ravanétu - ravanello (Raphanus sativus L.)
raviö - raviolo, spesso usato nella forma plurale raviöi
- rete (in genere)
rebercéga - ripiegatura del lenzuolo sulla coperta; risvolto, orlo dei pantaloni o delle maniche rimboccate
rebercegà - ripiegare il lenzuolo sulla coperta
rebìssu - pettirosso (Erithacus rubecula)
rebùnbu - rimbombo, eco
rebüštu - robusto
recàtu - riguardo, cura (dà recàtu - aver cura)
rececé - scricciolo (Troglodytes troglodytes)
reciümà - cambiare le piume (in partic. delle galline)
recöta - ricotta
redòusu - riparo (nella locuz. au redòusu - al riparo)
refregnì - rabbrividire
refrèidù o arefrèidù- raffreddore
refrešcà - risciacquare
refrešcüme - lezzo, cattivo odore (in partic. di stoviglie mal lavate)
refüà - rifiutare
rège - reggere
regentà - secchio (termine antico e desueto)
regeù - puntello di legno a sostegno del carico affinché il basto non si ribalti durate le operazioni di carico e scarico della soma
reginùçu - arruginito
reinùja - rana (Hyla arborea)
rèixùn - ragione
rèixunà - ragionare
rèixunè - ragioniere
relòn - oleandro (Nerium oleander)
relör - orologiaio
relöriu - orologio
remà - remare
remenà - malmenare, sballottare
remìça - garage, rimessa per veicoli (una volta per i carri)
remügà - ruminare (ti ghe remüghi cume chele soume vèje - rumini come i somari vecchi [detto a chi mastica a lungo])
rén - rene
rèn - niente
rènde - restituire
resànsu - sansa, residuo della spremitura delle olive
resautà - trasalire, sobbalzare
resàutu - spavento, trasalimento, sussulto, sobbalzo
réšca - lisca (di pesce)
resciouràse - riposarsi, riprendere fiato, ristorarsi
resciouru - riposato, ristorato
rešcurà - scolare, sgocciolare
rešcuràu - scolato, sgocciolato
reséga - risega, rientranza
resénun - secondo piatto della cena (il primo era sempre minestrone)
resévüa - ricevuta
réšta - resta, filza di agli o di cipolle intrecciati insieme dalle loro fronde
rétaju - ritaglio
réu - resa (in partic. nella locuz. fà réu - far buona resa)
- ridere
riàna - ruscello, torrentello
rianéta - ruscelletto, rigagnolo
rianéta du cü - solco intergluteo
ribòta - mangiata in compagnia, bisboccia
rìcu - ricco
rièla - rotolino di grasso, piega della pelle (in partic. dei bambini fino a due anni)
riélà - rotolare, ruzzolare
riélùn - ruzzolone
rìsa o grìsa - filone di pane
risèta - ricetta
riçétu - borracina (Sedum ochroleucum, Sedum acre L.)
rìsu - riso (Oryza sativa)
rìçu - riccio, ricciolo
rìva - riva del mare o del fiume
rìva (de) - vicino, a breve distanza, vedi derìva
rivà - terreno in forte pendio, terreno scosceso, burrone
röa - ruota
ròca - roccia, parete rocciosa, rupe
rochìxe - raucedine (on in po' de rochìxe - ho un po' di raucedine)
ròcu - rauco
röça - rosa (in genere)
röu - cerchio; alone della luna piena
ròuba - vestito da donna
ròuba de sùta - sottoveste
roubùn - abito talare
rüa - ruta (Ruta graveolens L.)
rübatèla - terreno scosceso; sentiero su terreno scosceso
rübu - misura di peso di circa 8 kg.
ruchétu - rocchetto
rùgia - robbia selvatica (Rubia peregrina L.)
rùgna - rogna; persona noiosa
rugnùn - rognone
rujà - sgorgare, scorrere a getto continuo dell'acqua
ruju - getto d'acqua, flusso consistente di un liquido
rumanìn - rosmarino (Rosmarinus officinalis)
rümènta - spazzatura
rumes-cià - frugare, rovistare
rùndu - rotondo
rundùra - rondine (Hirundo rustica)
runfà - russare
rùnpe - rompere
runpicuje - scocciatore
runsiju - piccola roncola posta su una lunga asta
rüça - lite
rüçà - litigare, bisticciare
rüšca - parte legnosa della corteccia degli alberi (come pini, roveri ecc.)
rušcanìsu - liquirizia (Glycyrrhiza glabra)
rusegà - rosseggiare (ad es. dell'uva che matura)
ruséti - pomelli arrossati delle gote, couperose
ruçignö - usignolo (Luscinia megarhynchos)
ruçijà - rodere, rosicchiare
ruçijàu - rosicchiato
rüšta - una carica, una quantità di botte (nella locuz. te ne dagu ina rüs-ta - ti dò una carica di botte)
rùsu - rosso
rùsu d'övu - tuorlo
ruçuà - annaffiatoio
rùtu - rotto
rütu - rutto
rùve - rovere, quercia (in partic. per la nostra zona Quercus petraea)
rüvegu - ruvido
ruvéu - rovo, roveto (Rubus ulmifolius, Rubus fructicosus)

Inizio


- S Ç -

- sale
sàba - sapore, gusto
çabaijun - zabaglione
sàbu - sabato
sacranùn! anche cranùn! - caspita! esclamazione di rabbia o di meraviglia
sachéta - cartella degli scolari
sachétu - sacchetto
sàcu - sacco
sagàta - pollone
sagrestìa - sacrestia
salòpu - mascalzone
salüà - salutare
sanbügu - sambuco (Sambucus nigra)
sànghe - sangue
sanghenà - sanguinare
sanghéta - sanguisuga (Hirudo medicinalis)
sanghìn - tipo di fungo (Lactarius deliciosus)
San Giaixìn - abitanti di San Biagio della Cima
San Giaixu - San Biagio della Cima
sangiütu - singhiozzo
sangùra špèrgùra - parietaria (Parietaria officinalis)
San Martin - San Martino
San Martinèi - abitanti di San Martino
çànpa - zampa
çanpà - zampata
San Remu - San Remo
Sanremàs-chi - abitanti di San Remo
sàpa - zappa; mattone per solai
sapèlu - scalino alto; buco
sapùn - piccola zappa
sarà - salare; mettere sotto sale
saràu - salato; conservato sotto sale
sardéna - sardina (Sardina pilchardus)
sarìn - saliera; salino (di mare)
sarìva - saliva
sarçì - rammendare
sarçiüra - rammendo
sàrtu - sarto
sarvà - salvare
sarvàigu - selvatico
sarvaigüme - tralcio, pollone selvatico (nato al disotto dell'innesto)
sarvàu - salvato
sàsura - sassola; paletta usata per prendere farina e granaglie dai sacchi
satürnu - cupo, scuro, luogo poco soleggiato
sàusa - salsa
sausìsa - salsiccia
sautà - saltare
sàutu - salto
savagià - agitare un liquido in un recipiente
savé - sapere
savùla / savùlu - sazia / sazio
savulà - saziare
savùn - sapone
savunéta - saponetta
savurìu - saporito; anche eccessivamente salato
šbàrbura - barba della pianta, piccola radice che si forma vicino alla superficie del terreno
šbardà - allargare, spargere, separare
šbàte - sbattere
šbìru - rondone (Apus apus)
šbrundìja - piccola fronda secca
šbrutà - sfrondare, tagliare i rami secondari dal ramo principale
šbuì - spaventare, terrorizzare; rovinare l'uva acerba (per il forte calore estivo)
šbujentà - sbollentare, scottare con l'acqua bollente
šbujènte - bollente
šbùira - frana in un muro a secco
šbuìu - spaventato, terrorizzato
šburà - eiaculare
šbùrsu - bolso, con difficoltà di respirazione; per estens. debole, sfinito
šbùru - sperma
šcaja - sasso, scaglia di pietra (in partic. quella usata per riempire gli interstizi nei muri a secco)
šcajùn - sassolino, piccolo ciotolo
šcangià - cambiare
šcanpà - campare, sopravvivere
šcapà - scappare, fuggire
šcàra - scala
šcarabòciu - scarabocchio
šcarassa - palo di sostegno per la piante (in partic. per le viti) fatto con polloni di castagno stagionati
šcardà - cardare (la lana dei materassi)
šcàrpa - scarpa
šcarpà - calzolaio
šcarpùn - scarpone
šcàrsu - cottimo (per lo più nella nella locuz. a scàrsu - a cottimo)
šcasà - cancellare
šcasàu - cancellato
šcaudalèitu - scaldaletto
šcaupelìn - scalpellino
šcaupèlu - scalpello
šcausà - grembiule, cappa da lavoro
šcautürà - sarchiare
scemarìa - sciocchezza, stupidaggine; inezia
scèmu - scemo, stupido
scendégu - sindaco
scerbà - sarchiare
s-cétu - schietto
šchenùn - scheggia (in partic. di di legno: on in s-chenùn int'in diu - ho una scheggia in un dito)
šchijà - scivolare
šchijasà - scivolone
šchìna - schiena
šchincamùra - sciocchezza, capriccio
šchisà - comprimere, premere, schiacciare, strizzare (in partic. i panni lavati)
scì - sì
sciàbra - sciabola
sciabrà - sciabolata
sciacà - schiacciare, pigiare
sciacümi - frutta secca col guscio (noci, mandorle, nocciole ecc.)
s-ciàfu - schiaffo
s-ciairì - chiarire, schiarire; intravvedere
s-ciairù - chiarore
sciàiru - lievemente malato, debole, indisposto
scialàse - gioire
scialétu - scialle
sciàma - fiamma
sciamà - fiammata
s-cianasöra - pietra piatta e sottile
s-ciancà - schiantare (riferito a rami o alberi); lacerare, strappare
s-ciancalàsi - fannullone, poco di buono
s-ciancàu - schiantato (riferito a rami o alberi); lacerato, strappato
s-ciàncu - racimolo
s-ciancunà - strappo, strattone; procedere a strappi
s-ciancurèlu - piccolo racimolo; fig. bella ragazza
s-ciàpa - parte, pezzo di qualcosa; anche schiappa (persona incapace)
s-ciapà - spaccare
s-ciàpa de cü - natica
s-ciàpi - piatti, stoviglie in terracotta
s-ciapìn - riferito in particolare alle pesche: che si stacca facilmente dall'osso, aprendosi a metà
sciaràta - allegra confusione, rinfresco che si faceva dopo una processione religiosa (alla sera)
sciarmentà - sfrondare le piante togliendo i sarmenti (in partic. le viti e i pomodori)
sciarmèntu - sarmento, getto secondario (che generalmente viene tolto)
s-ciatà - screpolare
s-ciataüra - screpolatura
sciàu - fiato, respiro; anche sorso
scìbra - richiamo per uccelli
scìbru - fischio
scignùra / scignùru - signora / signore (termine di rispetto)
s-ciopà - scoppiare
sciòperu - ben lievitato, soffice
s-ciopetà - fucilata, colpo di fucile
s-ciòpu - fucile
sciòrba - sorba e sorbo (Sorbus domestica)
sciorbétu - sorbetto, gelato
sciòrta - gregge di ovini
sciortì - uscire
sciourà - gettare, buttare via
sciràu - guscio vuoto per l'insecchimento del frutto
scirénga - siringa
sciròcu - scirocco
scisciànta - sessanta
sciü - su, sopra
sciügà - asciugare
s-ciuì - schiudersi (delle uova)
s-ciuìu - schiuso (delle uova)
s-ciüma - schiuma
sciümia - scimmia (in genere)
sciunbrìa - ombra
sciunbriùsu - ombroso (riferito a una persona o un animale)
s-ciunà - piallare
s-ciunétu - pialla
sciùra - fiore
sciurbì - sorbire
sciurì - fiorire
sciurìu - fiorito
sciùscia - tubo per soffiare sul fuoco (per ravvivarlo)
sciuscià - soffiare
sciusciétu - soffietto
sciùsciu - soffio
sciütìna - siccità
sciütu - asciutto
scivörà - fischiare
scivurèlu - fischietto
šcòde - riscuotere, fare la questua
šcöju - scoglio; anche tipo di pietra tenera che al sole diventa friabile e si sbricciola
šcöra - scuola
šcòrcia - guscio (s-còrcia de lümasa - guscio di lumaca)
šcòtu - tralcio potato
šcracà - scatarrare, emettere catarro
šcràcu - sputo (in partic. di catarro)
šcravà - sfrondare un albero (in modo deciso)
šcrénca - stinco
šcrìtu - scritto
šcrìve - scrivere
šcròusura - stampella
šcrùsce - scrocchiare
šcruscè - uncinetto
šcùa - ginestra dei carbonai (Sarothamnus scoparius, Cytisus scoparius)
šcuégnu - assicella di sezione semicircolare (la parte esterna del tronco)
s-cuirö - scoiattolo (Sciurus vulgaris)
šcuméte - scommettere
šcunfignùsu - schizzinoso, schifiltoso
šcunpabièla - capriola
šcunpì - scompigliare
šcurà - inzuppare, bagnare completamente (detto della pioggia o di un'onda, di un getto d'acqua)
šcürà - finire, svuotare; ripulire
šcuràu - inzuppato, completamente bagnato (dalla pioggia o da un'onda, da un getto d'acqua o di sudore)
šcüràu - finito, svuotato; ripulito
šcùre - rincorrere, inseguire; scacciare, mettere in fuga
šcuregìn - cinghia dei pantaloni
šcurigiöra - vilucchio (Convolvulus arvensis)
šcüròto - giorno delle Ceneri (in cui si finiscono gli avanzi del martedì grasso)
šcürcia - scorciatoia
šcùrsu - rincorso, inseguito; scacciato
šcüru - scuro; imposta cieca
šcüu - scudo (moneta d'argento da 5 lire)
šcuvulin - scovolino (per le bottiglie)
- sete
séa - seta
seasà - setacciare
seàsu - setaccio
seàusa - gelso (Morus alba, Morus nigra)
séca - zecca (Ixodida)
secà - seccare, essiccare
secarésa - siccità
sechenù - altrimenti
secolà - scrollare
secòlu - scrollone
sécu - secco, essiccato; morto/morta (riferito a una pianta)
segà - falciare il fieno (o l'erba in genere)
Segnù - Signore, Dio
segùndu - secondo
següru - sicuro; certamente
seija - recipiente, conca
sèira - ieri; cera; sera
seiranà - serata
seiròtu - cerotto
sèlaru - sedano (Apium graveolens dulce)
semenà - seminare
semènsa - seme, semenza
semitèiru - cimitero
çemija - scintilla, favilla
sèmura - semola
sén - seno
séna - cena
senà - cenare
çenà - gennaio
sencìu - singolo, semplice
séne - cenere
çène - genero
sènpre - sempre
sènsa - senza
sentì - sentire
sentìma - centesimo
sèntu - cento
sentüra - cintura
çenuju - ginocchio
sépu - ceppo, rocchio di legno (di circa 30-35 cm.)
sepürtu - sepolcro del giovedì santo
sèra - sega; falce
serà - chiudere; chiusa
seràu - chiuso
seracà - segare, tagliare la legna
seràcu - sega a due mani
sercà - cercare
serén - sereno
serija - segatura
sèrne - cernere, separare, scegliere (sèrne ina šbùira - separare le pietre dalla terra di un muro franato)
servèlu - cervello
servì - servire
serviéta - tovagliolo, salvietta
sèšta - modello, sagoma di carta per tagliare un abito, sagoma di legno usata in edilizia (per fare archi ecc.)
séçe - sedici
sestìn - cestino
setànta - settanta
sète - sette
setemàna - settimana
setènbre - settembre
sève - siepe
sevùla - cipolla (Allium cepa)
šföja - sfoglia
šfràsu - scarto della lavorazione; fondo; residuo
šfrosà - frodare, imbrogliare
šgarà - lacerare, strappare, stracciare
šgarà (ina) - nella locuz. ina šgarà - tanti, molti
šgaràu - lacerato, strappato, stracciato
šgarànpi - trampoli
šgarbà - bucare
šgarbàu - bucato
šgàrbu - buco
šgàça - garza
šgasà - risciacquare
šgasàu - risciacquato
šghìge - stridere, strillare
šghindà - deviare, evitare
šghità - saltare; spruzzare, sprizzare, schizzare
šghìtu - salto; spruzzo, schizzo
šghìxi - strilli
šgiàtu - stramazzo, caduta violenta
šgravàudura - trottola
šgrìsurà - cigolare, stridere
šgröja - guscio (in partic. d'uovo: sgröja d'övu - guscio d'uovo)
šgrùtu - pietra molto tenera e friabile
šgurà - scivolare; sfilare un lavoro a maglia
šgùrbia - lucertola (Lacertilia); sgorbia, scalpello con taglio semicircolare per fare sgusci
šgureà - discesa ripida, scivolo
šgurìn - vimine
sìa - zigolo (Emberiza cia, Emberiza melanocephala, Emberiza citrinella, Emberiza cirlus)
sigögna - mazzacavallo, macchina per sollevare l'acqua dai pozzi
sìma - cima (di monte, albero ecc.), punta, estremità
simà - cimare, spuntare
simacùsti - saltimpalo (Saxicola torquata)
simèn - cemento
sincànta - cinquanta
sìnche - cinque
singàra - cicala (Cicadidae)
sìngaru - zingaro
çingu - zinco
çinçara - zanzara (Culicidae, Culex pipiens)
sìštra - vento freddo, corrente d'aria fredda
çiçura - giuggiola (Ziziphus zizyphus)
sitrùn - arancio amaro
sìtu - zitto
so - suo
- sorella
çògia - giovedì
söja - fondamenta
söiràštra - sorellastra
söixùra - suocera
söixùru - suocero
sòn - suono
sonà - suonare
sonu - sonno
ra - suola
rà - risuolare
Soudàn - Soldano
Soudanèli - abitanti di Soldano
sòudu - soldo (moneta da 5 centesimi)
sòuma - asina
soumà - soma, carico di un asino o di un mulo (mediamente 100 kg.)
špàla - spalla
špantegà - spargere, sparpagliare
špantegàu - sparso; fig. persona che vive lontano dal proprio paese
šparà - sparare
šparavè - sparviere, tavoletta di legno con impugnatura su cui si pone la calce fresca durante il lavoro (usata dai muratori)
šparisöra - cinciallegra (Parus major)
šparuchéti - petardi
špartì - spartire, dividere
špasà - scopare, spazzare
špasìn - spazzino, netturbino
špasuiréta - spazzola
špàsiu (andà a) - passeggio (andare a), nella locuz. andà a špàsiu - andare a passeggio, passeggiare
špavaldu - spavaldo
špejéti - occhiali
špèju - specchio
špelà - spellare
špènde - spendere
šperà - sperare
špesegà - sbrigare, sveltire
špesegàse - sbrigarsi, fare in fretta, spicciarsi
špesià - farmacista
špésu - spesso, denso, fitto
špesù - spessore
špetasà - spiaccicare; spiaccicata
špetasàu - spiaccicato
špéu - ferro per sollevare i cerchi della stufa e attizzare il fuoco
Špiaréti - Ospedaletti
špìga - spiga
špigà - tallire, accestire
špilura - spina della botte
špìna - spina (in partic. quella delle piante)
špìpura - pispola, ballerina (genere Motacilla: Motacilla flava; Motacilla cinerea; Motacilla alba)
špìritu - alcool, spirito
špìsu - spigolo
špöja - teglia da forno rettangolare (in partic. quella per la pesciarà)
špòrta - sporta, borsa
špràgne - frangere le olive
šprèscia - parte a monte della fascia (o della strada, del sentiero ecc.), vicina al muro di sostegno
špüà - sputare
špùntu - acido del vino (su vìn u l'a in po' de špùntu - questo vino è un po' inacidito)
špùrga - pioggerella, pioggia lieve entità e di breve durate
špurghinà - piovigginare
špurmunàse - spolmonarsi, gridare fino a perdere la voce
špurtijöra - abbottonatura, chiusura dei pantaloni
špurtìn - fiscolo per la spremitura delle olive (dove si mettono le olive macinate per essere pressate)
špüsa - puzza, cattivo odore
špüsà - puzzare
špüu - sputo
štà - stare
štàca - tasca
štacà - tascata, quantità di roba contenuta nella tasca
štàgiu - stalla
štagiùn - stagione
štagnu - stagno; impermeabile, che non lascia passare i liquidi
štalaèiru - stantio, raffermo
štamatìn - stamattina
štàncu - stanco
štanöte - stanotte
štànsia - stanza, camera
štasèira - stasera
štecadö - lavanda (in partic. fuso di lavanda che si mette nella biancheria per profumarla)
štécu - molletta per stendere la biancheria; chiodino
štégne - soffocare
štèima - settimana (in partic. la settimana in corso; štèima che vèn - la prossima settimana)
štéla - stella
šténdeù - stenditoio
šténtu - soffocato
štérbura / štérburu - torbida / torbido
šterburüme - fondo, deposito del vino o dell'olio
štirà - stirare
štirànbura - parte nervosa della carne (che si stringe fra i denti e si tira - štira - con le mani)
štirasà - trascinare
štìsa (erina) - uno poco, un pochino, un goccio
štisegià - spilluzzicare
štocafìsu - stoccafisso (merluzzo essiccato: Gadus morhua)
štömegu - stomaco
štòrtu - storto; fig. ingannatore, bugiardo
štourigùn - scapaccione
štrafursìn - tipo di spago robusto e sottile
štramüà - spostare
štramüàse - spostarsi
štranbariùn - nella locuz. in štranbariùn - barcollando (andà in štranbariùn - camminare barcollando)
štrangurà - strangolare
štrangurùn - nella locuz. mangià de štrangurùn - mangiare in fretta, in modo vorace, senza masticare bene
štranüà - sternutire
štranüu - sternuto
štrapùnta - materasso
štràsa - straccio
štrasà - stracciare, strappare, lacerare
štrasìn - straccivendolo
štravàn - squilibrio, sbilanciamento; nella locuz. dà du štravàn - squilibrare, sbilanciare
štravé - stravedere, travedere, prendere un abbaglio, stupire
štrégne - stringere; torchiare l'uva
štremà - mettere dentro, mettere al riparo
štrepùn - strattone
štréntu - stretto
štresèlura - tordela (Turdus viscivorus)
štrìa - strega
štrià - stregare
štrincà / trincà - stringere - tirare (per stringere) (štrincà i fifèri - tirare i fili di ferro [tra i pali di sostegno delle viti])
štrügétu - strofinaccio per lavare i piatti
štrügià - strofinare, sfregare; lavare i pavimenti
štrùncu - rametto secco
štrünèlu - storno (Sturnus vulgaris)
štruscià - spezzare, rompere
štrùsciu - torsolo di cavolo
štüa - stufa
štùpa - stoppa
su - sole; questo (su chi - questo qui)
süà - sudare
süca - zucca (in partic. zucca tromba e zucca trombetta di Albenga - Cucurbita moschata)
sücà - pianta di zucca; zuccata, testata
sücarìn - confetto, confetti
sücaru - zucchero
sücu - ceppo (parte che rimane nel terreno dopo aver tagliato l'albero)
sücùn - zucchina (in partic. zucchina trombetta)
sümìxa - cimice; nome usato per insetti delle famiglie degli Acantosomatidi e Pentatomidi
sùn (a) - a forza (a sùn de fà - a forza di fare)
sunàjin - sonaglino (per neonati)
sunàju - sonaglio
çunçunà - ronzare
süpa - zuppa
süpèira - zuppiera
surà - solaio, soffitto
suràlu - sugarello (Trachurus trachurus, Trachurus mediterraneus e T. picturatus)
sùrcu - solco
surfanìn - pastiglia di zolfo che si brucia nelle botti prima riempirle perché il vino non inacidisca
sùrfanu - zolfo (in partic. quello in polvere che si dà alle piante)
ru - solo
survàn - soprano, situato in una posizione più alta
sùrve - sopra
süsà - succhiare
suséna - prugna, susina susino (Prunus domestica)
süséta - ciuccio, succhiotto
süštrà - piangere singhiozzando
sùta / sùtu - sotto
sutàn - sottano, situato in una posizione sottostante
sutìru - sottile
süù - sudore
suvègne - sovente
šviàsciu - di traverso, obliquamente (nella locuzione de sviàsciu - di traverso, obliquamente)

Inizio


- T -

tabachìn - tabaccaio, negozio di sale e tabacchi
tàca - goccia, goccio, piccola quantità
tachegià - gocciolare
tàcu - tacco
tacùn - rattoppo, rappezzo; pezza per rattoppo
tacunà - rattoppare, rappezzare; fig. rimediare a un guaio
tajà - tagliare (in genere)
tajarìn - tagliatelle
tajè - tagliere
taju - taglio
tàju (a) - a proposito, utile (u vèn a tàju - viene a proprosito)
talòcia - tavoletta di legno con impugnatura usata dai muratori (più grande del frétàsu e più piccola dello šparavè)
tàna - tana
tanàrdu - tonto, sciocco
tanbàna - grancassa (in partic. quella da parata); fig. persona sorda (ti sèi lùrdu ceme ina tanbàba - sei sordo come una grancassa)
tanpì - fa lo stesso, non importa, tanto peggio
tànta - zia
tàntu - tanto, molto
tapà - tappare, mettere il tappo, chiudere un buco
tapacü - cerbottana a stantuffo usata dai bambini per tirare pallini di ginepro
tapéu - tappeto
tàpu - tappo
tapulà - pasticciare, fare lavori alla buona
tapùlu - pasticcio, lavoro o riparazione fatta alla buona
tarabèla - tavoletta di legno con maniglie mobili, battola usata nella Settimana Santa per richiamare i fedeli
taragnà - ragnatela
tardìu - tardivo, che matura lla fine della stagione (il contrario di tenpurìu)
tartanèla - flanella
tàscia - tassa, imposta
tàsciu - tasso (Meles meles)
taštùn (a) - alla cieca, a tentoni
tavàn - tafano bovino (Tabanus bovinus)
tavèla - mattone sottile
tavelùn - tavellone
téa - parte interna del legno di pino essicato male che rimane impregnata di resina
tébeu - tiepido
téga - baccello
tégne - tingere (in partic. la stoffa o i fiori come la ginestra)
tègne - tenere
tèitu - tetto
tème - temere, paventare
tènaje - tenaglia
tènda - tenda (in generale); in partic. grande telo che si stende per terra per raccogliere le olive fatte cadere con l'abbacchiatura
tèneru - tenero, morbido, facile da masticare
tènpu - tempo (sia in senso metereologico che in senso cronologico)
tenpurìu - precoce, primaticcio, in anticipo sulla stagione (opposto di tardìu)
ra - tela, spesso anche stoffa, tessuto
terà - telaio
tèra - terra, terreno
teràsa - terrazzo
tèrca - balza, rupe, filone di roccia
terén - terreno
terìna - terrina, insalatiera in terracotta
terémotu - terremoto
tèrme - termine, confine, pietra che segna il confine
tèšta - testa (in generale)
tèštà - testata, colpo dato con la testa
tèšta d'aju - bulbo dell'aglio
tèšta de brügo - testa dura, testardo
tèšta è cü - a ruzzoloni
tèšta in cascéta - soppressata
tèštairùn - scapaccione
teštanegra - capinera (Sylvia atricapilla)
tèštun - testone, zuccone
tèštu - teglia, tegame circolare, per cuocere in forno torte o focacce
teštü - piccola mazza usata dai muratori a secco per tagliare o incastrare le pietre
tesuirà - colpo di forbici
tesùire - forbici (in genere)
tesùire da puà - forbici per potare
tesuiréta - nome usato per gli insetti delle famiglie Forficulidae e Labiduridae, in partic. forfecchia (Forficula auricularia)
tèta - mammella (in genere sia di donna che di mucca e ovini)
tetà - poppare
téte - seno, mammelle della donna
tetìn - piccola mammella (usato in partic. per l'uomo, le ragazze o piccoli animali come cani, gatti ecc.)
tichéta - etichetta
tìgia - gambo di fiore
tignöra - gelone
timùn - timone
tìna - tino per vinificare
tirà - lanciare, tirare
tirà u vìn - svinare
tisùn - tizzone, pezzo di legno acceso
to - tuo
tocà - toccare
tòcu - pezzo, parte
tòla - latta, lamiera
tòni - tuta da lavoro
tòpia - pergola, pergolato
tòru - toro (Bos taurus)
töscegu - tossico, velenoso, anche amaro (amaru cume u töscegu - amaro come il veleno)
töscegu o laitügura - nome usato per le piante della famiglia Euphorbia che, se tagliate secernono, un liquido lattiginoso ed irritante
tòura - tavolo da pranzo; asse, tavola
tòuru - tavolo (soprattutto dove si impasta), madia
touréta - assicella, tavoletta
tourìn - tavolino
touràsu - tavolaccio per dormire (delle prigioni)
traja - tralcio di vite
tramuntàna - nord, esposizione a nord, vento di tramontana
tràpa - fronda, ramoscello con foglie, frasca; asta con getti per irrorare le piante con anticrittogamici
trapelìn - tondino di ferro per armare il cemento
trapìn - panioni sottili invischiati per cattuare gli uccelli
travaja - lavorare
travaju - lavoro
travetu - trave di legno a sezione quadrata di 10 cm. usato per i tetti (per sostenere i listelli)
trebülà - tribolare, soffrire
trèi - tre
tremarèla - tremito
tremegià - tramezza, muro divisorio tra una stanza e l'altra
tremörà - tremare
tréna - treccia
trenpè - treppiedi per il focolare, su cui si posava la pentola
trènta - trenta
tréçe - tredici
trìa / trìu - minuta / minuto, sottile (in'àiga trìa - una pioggia sottile)
trincà / štrincà - stringere - tirare (per stringere) (trincà i urdini - richiamare all'ordine; dare regole più severe)
trìpa - trippe
tròn - tuono
tronà - tuonare
tròpu - troppo
tröju - pozzo cubico (generalmente interrato da tre lati)
trüna - locale basso, poco illuminato e umido
trunba - tubo per travasare il vino (sifone)
trüta - trota
tuàja - tovaglia
trüxèntu - trecento
tuajö - tovagliolo
tulu - tulle
tunbarèlu - carro a due ruote con cassa alta ribaltabile e un portello posteriore da togliere quando si scarica
tùnde - tosare
tùndu - piatto
tupé - faccia tosta, presunzione, improntitudine
tupìn - boccale del latte, lattiera in terracotta
turchinétu - perborato di colore azzurrino usato una volta per candeggiare il bucato
turlu - tordo (Turdus philomelos)
tùrna - di nuovo
turnà - limite della fascia (inizio o fine)
turnichétu - tornante della strada
tùre - torre
tùrta - torta
turtàira - grosso tagliere rotondo di legno, tavola rotonda per impastare
turtairö - grosso imbuto usato in cantina
tùrtura - tortora (Streptopelia turtur, Streptopelia decaocto)
tùse - tosse; tossire
tütu - tutto
tutunà - suonare il clacson
tùvu - tufo

Inizio


- U -

u - il (art. m. sing.)
üa - uva
übàgu - luogo rivolto a nord, umido e ombreggiato
ùgne - ungere; picchiare, percuotere, dare botte
ümerità - umidità
ümeru - umido; morbido
uncìssu - persona sporca, unta
ùnda - onda
ùnde - dove
ùndesescie - dovunque
ùngia - unghia
ungià - unghiata
ùnça - oncia (antica misura di peso di circa 23 grammi, nella provincia di San Remo)
ùnçe - undici
ùnta - unta; carica, quantità di botte
ùntu - unto
unvraì - giorno feriale
ùra - ora
uratòriu - oratorio
ürbu - cieco
ürbun (a) - a tentoni
ùrciura - ulcera
ùrsu - orso (Ursus arctos)
ürtimu - ultimo
ùšpità - ospedale
üsu - uso, abitudine (èsu üsu - essere abituato)
utùbre - ottobre

Inizio


- V -

vàca - vacca, mucca (Bos taurus)
vagiü - molto, tanto
valà - vallata
vàle - valle
Valebòna - Vallebona
Valebunenchi - abitanti di Vallebona
Valecröça - Vallecrosia
Valecröçìn - abitanti di Vallecrosia
valixa - valigia
valùn - piccolo valle e il suo corso d'acqua
varégu - dittinella, arbusto sempreverde della famiglia delle Thymelaeaceae (Daphne gnidium L.), pianta velenosa le cui radici, contenenti una sostanza urticante, venivano schiacciate nell'acqua per pescare le anguille
varma - malva (Malva sylvestris L., Malva rotundifolia L., Malva neglecta, Lavatera arborea)
vàrsu - valzer
vàsu - vaso (in genere)
- vedere
veciaja - vecchiaia
vedrà - vetraio
vedrìna - serra; vetrina del negozio
vèdru - vetro
vegnì - venire, arrivare
véja - veglia
véjà - vegliare
vèja - vecchia
veigùrnu - invecchiato anzitempo, che sembra vecchio (usato soprattutto per le piante)
veju - vecchio
veixìn - vicino, presso; vicino di casa o di terreno
velüu - velluto
véna - vena (in genere)
véncu - ginestra selvatica (Spartium junceum), spesso usato nella forma plurale venchi
vénde - vendere
vendégna - vendemmia
vendegnà - vendemmiare
venerdì - venerdì
venìn - veleno (in partic. quello delle vipere)
vèntu - vento
vérdu - verde
verdüra - verdura
verdùn - verdone (Carduelis chloris)
verìna - verrina, succhiello
vèrmu - verme (in genere)
vèrmu sùrdu - orbettino (Anguis fragilis)
vernixe - vernice
versà - versare, rovesciare
vés-chevu - vescovo
vèšpa - vespa, nome con cui vendono definiti gli Imenotteri della famiglia Vespidae
vèšpu - vespro
vèšte - vestire
veštimèntu - abito completo da uomo composto da giacca, pantaloni ed eventualmente panciotto della stessa stoffa
vìa - vite (meccanica)
viàrbura - vitalba (Clematis vitalba)
vìdua - vedova
vidùu - vedovo
vìgna - vigna
vìn - vino
vinéta - vinello, o secondo vino fatto con acqua gettata sulle vinacce
vìnti - venti
vìu - vite (pianta)
vìpera - vipera (Vipera aspis)
ria - vigilia
vìs-cu - vischio (in partic. quello usato per catturare gli uccelli)
vìšta - vista
vìta - vita
viuréta - viola mammola (Viola odorata)
vìve - vivere
vìvu - vivo
vöja / vöju - vuota / vuoto
vöjà - vuotare
vöjàu - vuotato
rà - volare
ru - volo
vòuta - volta
Vrigà - Apricale
vùi - voi
vuixe - voce
vuré - volere, desiderare
vurentè - volentieri
vùrpe - volpe (Vulpes vulpes)

Inizio